Affondamento della nave da guerra russa: colpita da due missili ucraini, ma il VIDEO è un fake

Mosca ha provato a smentire che l'ammiraglia della propria marina fosse stata affondata da missili ucraini, ma un attacco arrivato nella notte ha confermato la versione dell'Ucraina

MeteoWeb

Ieri l’Ucraina ha messo a segno un importante colpo contro l’esercito russo, con l’affondamento dell’incrociatore Moskva. Sull’evento Mosca ha preso posizioni ambigue, cercando di far passare la notizia che la distruzione della nave da guerra non sia dipesa dall’esercito ucraino, bensì da un incendio divampato autonomamente all’interno dell’incrociatore.

La Russia ha ammesso che l’incrociatore di classe Slava, Moskva, è affondato. Come nave ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, la Moskva ha svolto un ruolo chiave sia come nave di comando che come nodo di difesa aerea“, ha riferito il ministero della Difesa britannico in un report pubblicato oggi. “La nave dell’era sovietica era una degli unici tre incrociatori di classe Slava della marina russa. Originariamente commissionata nel 1979, la Moskva aveva completato un ampio refitting progettato per migliorare le sue capacità ed è tornata allo stato operativo solo nel 2021 – spiega la Difesa Gb – questo incidente significa che la Russia ha subito danni a due importanti risorse navali da quando ha invaso l’Ucraina, la prima è stata la nave da sbarco russa di classe Alligator Saratov il 24 marzo. Entrambi gli eventi porteranno probabilmente la Russia a rivedere la sua postura marittima nel Mar Nero“.

E la risposta di Mosca a questa gravissima perdita non è tardata ad arrivare. Nuovi raid missilistici su Kiev sono stati messi in atto a fronte degli “attacchi terroristici” e “di sabotaggio” condotti dall’Ucraina in territorio russo: ad annunciarli, oggi, il ministero della Difesa di Mosca. Secondo questa comunicazione, nella notte missili da crociera partiti da navi nel mar Nero hanno colpito a Kiev una fabbrica di armi. Stando alle informazioni fornite dal ministero, nel bombardamento sono stati “distrutti” reparti dove si producevano sistemi di difesa anti-aerea e anti-nave. Ieri Mosca aveva accusato l’Ucraina di aver inviato elicotteri in territorio russo e bombardato centri abitati. Stando a questa ricostruzione, smentita da Kiev, raid nella regione sud-occidentale di Bryansk avevano provocato almeno sette feriti.

E intanto ha iniziato a circolare sul web un video della presunta nave da guerra russa, nel momento in cui sarebbe stata colpita da due missili ucraini. In realtà si tratta di un altro evento, che è possibile vedere cliccando sul link in calce all’articolo, ovvero un’esercitazione risalente al 2013.

Incrociatore russo affondato: le immagini virali dell’esplosione sono fake | VIDEO