Germania, il Bundestag stronca Scholz: bocciato l’obbligo di vaccino, “non protegge gli altri, è scelta individuale”

Il disegno di legge per l’obbligo di vaccinazione anti-Covid dall'età di 60 anni non ha ricevuto la maggioranza richiesta al Parlamento tedesco

MeteoWeb

Il Parlamento tedesco (Bundestag) ha respinto una proposta sostenuta dal governo di rendere la vaccinazione anti-Covid obbligatoria per gli over 60. Il governo aveva fissato l’obiettivo di introdurre l’obbligatorietà a “fine febbraio o inizio marzo”. Ma la proposta ha ottenuto solo 296 voti favorevoli, mentre 378 deputati hanno votato contro e 9 si sono astenuti.

La proposta era sostenuta dal Cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e dal Ministro della Salute, Karl Lauterbach. Avrebbero avuto bisogno di 342 voti per ottenere la maggioranza. Data la natura controversa della questione, i gruppi parlamentari avevano deciso che i deputati avrebbero votato in libertà di coscienza. Avanzata da alcuni rappresentanti di Partito socialdemocratico tedesco (SpD), Verdi e Partito liberaldemocratico (Fdp), l’iniziativa bocciata prevedeva che il vaccino anti-Covid diventasse obbligatorio in una prima fase per chi ha più di 60 anni, in quanto fascia della popolazione “particolarmente vulnerabile”. Se approvata, la proposta sarebbe entrata in vigore a ottobre. Tuttavia, a giugno, l’obbligo di vaccinazione contro il Covid avrebbe potuto essere sospeso con una decisione del Bundestag, se il tasso di vaccinazione in Germania fosse aumentato in maniera sufficiente. Oggi in Germania è vaccinato il 76% dell’intera popolazione (compresi bambini), un dato di gran lunga inferiore rispetto all’Italia che ha superato l’85%. In autunno, sulla base delle informazioni disponibili e delle potenziali varianti del virus, il parlamento federale avrebbe deciso se la vaccinazione anti-Covid dovesse essere estesa a tutti i maggiorenni.

Il Bundestag ha respinto anche la proposta per l’introduzione in Germania dell’obbligo di vaccinazione anti-Covid avanzata dall’Unione, gruppo popolare di opposizione formato da Unione cristiano-democratica (Cdu) e Unione cristiano-sociale (Csu). L’iniziativa ha ottenuto 172 voti favorevoli, 497 contrari e nove astensioni. L’Unione proponeva di introdurre l’obbligo di vaccinazione in Germania secondo un piano per fasi, collegato alla situazione dei contagi nel Paese.

Stamattina Lauterbach ha dichiarato: “vorrei anche sottolineare espressamente che – se la variante Omicron dovesse tornare in autunno – avremmo circa 200-300 morti giornalieri a ottobre. Vogliamo davvero accettarlo come società? Vogliamo abituarci al fatto che muoiono dalle 200 alle 300 persone ogni giorno? Non può essere una società umana per noi. È nelle nostre mani”.

Wolfgang Kubicki (Fdp) si è espresso contro la vaccinazione obbligatoria: “le vaccinazioni sono per l’autoprotezione, non per la protezione degli altri. Non è compito dello Stato costringere gli adulti a proteggersi contro la loro volontà”.

Dall’inizio della pandemia, un obbligo vaccinale generale era stato a lungo escluso in Germania. Vista la lentezza delle vaccinazioni, il Cancelliere Olaf Scholz (Spd) si era espresso a favore ma con il voto di oggi la sua proposta decade definitivamente.