Astronomia: i telescopi MAGIC registrano eccezionali raggi gamma dalla nova RS Ophiuchi

I raggi gamma registrati dalla nova RS Ophiuchi sono tra le energie più alte mai misurate in una nova, cento miliardi di volte più energetici della luce visibile

MeteoWeb

Grazie ai due telescopi MAGIC dell’Osservatorio del Roque de los Muchachos, a La Palma nelle Isole Canarie, gli astrofisici del Max Planck Institute for Physics hanno registrato raggi gamma del valore di 250 GeV (gigaelettronvolt), provenienti dalla nova RS Ophiuchi. Le registrazioni, pubblicate in un articolo sulla rivista Nature, sono tra le energie piu’ alte mai misurate in una nova, cento miliardi di volte piu’ energetici della luce visibile.

Ogni 15 anni circa, si verifica una drammatica esplosione nella costellazione del Serpentario, altro nome della costellazione di Ofiuco. I luoghi di nascita di una nova sono sistemi in cui due stelle molto diverse vivono in una relazione parassitaria: una nana bianca, una piccola stella esaurita e tremendamente densa, orbita attorno a una gigante rossa, una vecchia stella che presto terminera’ la sua vita. La stella gigante morente nutre la nana bianca con la materia che perde il suo strato di idrogeno esterno mentre il gas scorre sulla vicina nana bianca. La temperatura e la pressione nei gusci stellari appena acquisiti diventano troppo grandi e vengono scagliati via in una gigantesca esplosione termonucleare. La stella nana rimane intatta e il ciclo ricomincia, finche’ lo spettacolo non si ripete.

MAGIC (Major Atmospheric Gamma-ray Imaging Cherenkov Telescopes) e’ stata in grado di effettuare le sue osservazioni in seguito agli avvisi iniziali di altri strumenti che misuravano a diverse lunghezze d’onda. “La spettacolare eruzione dell’RS Ophiuchi mostra che la risposta rapida dei telescopi MAGIC ripaga davvero: non impiegano piu’ di 30 secondi per spostarsi verso un nuovo obiettivo”, ha affermato David Green, scienziato del Max Planck Institute for Physics e uno degli autori dell’articolo.

Per comprendere appieno la complicata interazione di eventi violenti con il mezzo interstellare nella Via Lattea, saranno necessarie ulteriori osservazioni come quelle riportate ora. La collaborazione MAGIC continuera’ dunque a cercare oggetti di questo tipo nella nostra Galassia e oltre.