Nella Silicon Valley si lavora ad aerei e taxi volanti senza pilota

In futuro, i voli aerei potrebbero fare a meno di qualcosa: il pilota. L’idea di una startup statunitense

MeteoWeb

Un’azienda statunitense si sta preparando per un futuro in cui gli aerei voleranno senza pilota. Xwing, startup della Silicon Valley, è specializzata nella realizzazione di velivoli standard in grado di volare senza piloti, con l’obiettivo di trasformare i viaggi in aereo.

Stiamo costruendo il futuro dell’aviazione o ci piace pensare di farlo. Stiamo convertendo gli aerei in aerei senza pilota, in modo che possano volare senza equipaggio e siano integrati nello spazio aereo senza problemi. Siamo fermamente convinti che il settore stia attraversando una trasformazione piuttosto radicale. Tra qualche anno inizieremo a vedere reti di taxi di velivoli elettrici a livello regionale o a lungo raggio e sarà un panorama completamente diverso”, ha detto all’AFP Marc Piette, amministratore delegato e fondatore di Xwing.

L’azienda di Piette ha sviluppato un software in grado di combinarsi con i sistemi di controllo del volo esistenti per automatizzare completamente il decollo, il volo e l’atterraggio di un aeromobile. L’obiettivo di Xwing è rendere i voli in aereo più economici, sicuri e veloci, rimuovendo il personale e rendendo gli aerei più piccoli. “Si può ridurre drasticamente il prezzo per miglio per volare e si può cambiare modello di business. Si possono abbandonare gli autobus volanti, che è quello che il mercato dell’aviazione commerciale è oggi, per i taxi volanti. Potendo rimuovere il pilota dal veicolo, si possono rimpicciolire i veicoli e mantenere comunque un costo molto basso per ogni posto per miglio”, ha spiegato Piette.

Contrariamente all’idea che gli aerei completamente automatizzati siano un rischio maggiore per la sicurezza, i direttori di Xwing sostengono che una maggiore automazione può ridurre i rischi di volo. “La maggior parte degli incidenti nell’aviazione, storicamente, sono stati causati da errori del pilota, la stragrande maggioranza di essi”, afferma Piette. “Direi che questi sono sistemi abbastanza complessi, e c’è molto carico di lavoro mentale sul pilota quando deve pilotare un aereo. Ed è per questo che l’automazione può aiutare, perché puoi ridurre quel carico di lavoro“, ha aggiunto.

Gli imprenditori della Silicon Valley puntano tutto sulla mobilità aerea come soluzione al traffico cittadino. Aziende come Archer, Joby e Wisk stanno lavorando ad aerei a propulsione elettrica che decollino e atterrino verticalmente come gli elicotteri e immaginano un’era di aereo-sharing, come un “Uber dei cieli”.