Naso all’insù per le Eta Aquaridi, le stelle cadenti figlie della cometa di Halley

La Terra transita due volte in un anno nella scia della cometa di Halley: la prima tra aprile e maggio, la seconda nel mese di ottobre

MeteoWeb

Naso all’insù nelle prossime notti per lo sciame meteorico delle Eta Aquaridi, le stelle cadenti prodotte dalle polveri lasciate dal passaggio della cometa di Halley: lo sciame è attivo per gran parte del mese di maggio e quest’anno, nel momento di maggiore attività, la Luna non interferirà con suo chiarore.

Le stelle cadenti sono generate dalla nube di detriti lasciata lungo la sua orbita dalla cometa di Halley, che è passata l’ultima volta nel 1986: quando la Terra la attraversa, le polveri si bruciano nell’atmosfera producendo la caratteristica scia luminosa.
Il radiante, nella zona più alta dell’Acquario, è attivo per quasi un mese, con maggiore frequenza dal 3 al 10 maggio e picco intorno al 5/6 maggio. La costellazione rimane bassa sull’orizzonte, e, per tale motivo, l’osservazione è più favorevole nell’emisfero australe rispetto a quello settentrionale, così come al Sud Italia rispetto al Nord.
Quest’anno il chiarore della Luna non interferirà con l’osservazione, consigliata specie nella notte del 5/6 maggio, nelle ore che precedono l’alba.

La Terra transita due volte in un anno nella scia della cometa di Halley: la prima tra aprile e maggio, la seconda nel mese di ottobre. Nel secondo caso, le stelle cadenti generate prendono il nome di Orionidi dalla costellazione da cui sembrano originarsi le comete, ovvero Orione.

La cometa di Halley impiega 76 anni per compiere un’orbita intorno al Sole. L’ultima volta che è stata avvistata era il 1986 e tornerà nel Sistema solare interno nel 2061.

Astronomia: dalle stelle cadenti all’eclissi di Superluna, cosa ci riserva il cielo di maggio

A maggio il principale evento di astronomia del 2022: ecco quelli più importanti del mese