Ondata di gelo polare in Brasile: ieri a San Paolo il giorno più freddo della storia

Il clima invernale nell'autunno brasiliano è dovuto alla tempesta subtropicale Yakecan

MeteoWeb

Mentre un’ondata di freddo polare ha colpito l’intero Brasile, compreso il Sud e la regione amazzonica, a San Paolo, la città più grande e popolosa, si è registrato ieri il pomeriggio più gelido della sua storia per il mese di maggio, con +12,3°C. Secondo l’Istituto nazionale di meteorologia, il record precedente per San Paolo risale al pomeriggio del 17 maggio 1977, quando la colonnina di mercurio aveva segnato 12,6°C.

L’ondata di freddo sta colpendo le aree meridionali, come Paranà Rio Grande do Sul e Santa Catarina: in quest’ultima regione ieri caduta la neve.

Il clima invernale nell’autunno brasiliano è dovuto alla tempesta subtropicale Yakecan, i cui forti venti hanno portato una massa d’aria polare su gran parte del territorio. Il fenomeno ha raggiunto anche parte della regione amazzonica: a Cuiabà, capoluogo dello Stato di Mato Grosso, oggi sono stati registrati +7°C, 13°C in meno della normale temperatura minima di maggio.