Ambiente: l’inquinamento da plastica aumenta la crescita batterica nei laghi

I rifiuti di plastica inquinano ampiamente le acque dolci: la scomposizione della plastica rilascia composti che possono fornire energia per la crescita batterica

MeteoWeb

Le sostanze chimiche lisciviate dai sacchetti di plastica stimolano più la crescita batterica nei laghi rispetto alla materia organica naturale. La scoperta è stata resa nota in un articolo pubblicato su Nature Communications. I risultati si basano su campioni di 29 laghi scandinavi e in alcuni casi possono informare le strategie di mitigazione dell'inquinamento.

I rifiuti di plastica inquinano ampiamente le acque dolci. La scomposizione della plastica rilascia composti che possono fornire energia per la crescita batterica, ma possono anche ostacolare la crescita a causa della tossicità. Tuttavia, il modo in cui questi composti influenzano il metabolismo microbico e i tassi di crescita non è ben compreso.

Utilizzando la spettrometria di massa ad altissima risoluzione, Eleanor Sheridan e colleghi hanno analizzato i composti lisciviati da sacchetti di plastica in polietilene a bassa densità (LDPE) (il tipo più comune di plastica che si trova nelle acque dolci) e la materia organica in campioni di 29 laghi scandinavi. Hanno scoperto che i composti disciolti dalla plastica erano chimicamente distinti e più facili da usare per i batteri come fonte di carbonio rispetto alla materia organica naturale. Questa maggiore accessibilità del carbonio ha migliorato la crescita batterica di 1,72 volte. Gli autori osservano che i tassi di crescita dipendevano sia dalla diversità batterica che dalle caratteristiche della materia organica naturale all'interno del lago.

Gli autori avvertono che il loro studio si concentra esclusivamente sui batteri e non prende in considerazione l'effetto della plastica su altri microrganismi, come microalghe e funghi. Tuttavia, suggeriscono che alcuni taxa batterici, come Deinococcus e Hymenobacter, che si trovano naturalmente negli ambienti lacustri, potrebbero essere particolarmente adatti per rimuovere i composti derivati ​​dalla plastica e potrebbero aiutare future strategie di mitigazione dell'inquinamento.