Studio sulle anfore marine svela i segreti del vino nell’antica Roma

Da tre anfore di epoca romana rinvenute nei fondali marini nei pressi di San Felice Circeo, sono stati scoperti i segreti della produzione e conservazione del vino

MeteoWeb

Grazie all’analisi e allo studio di anfore romane recuperate in mare, i ricercatori hanno svelato i segreti della produzione e della conservazione del vino da parte degli antichi romani. La ricerca diretta dall’Università francese di Avignone, pubblicata sulla rivista Plos One, suggerisce che per fabbricare il vino gli antichi romani utilizzavano uva autoctona, mentre per conservarlo lo inserivano in anfore impermeabilizzate con della pece, miscela composta da idrocarburi . Nello specifico, le analisi degli studiosi si sono concentrati su tre anfore di epoca romana recuperate nei fondali marini nei pressi di San Felice Circeo, 90 km a Sud-Est di Roma.

I marcatori chimici, unitamente ai residui di tessuto vegetale e alle polline rinvenuti nelle anfore, sono stati essenziali per confermare la presenza di derivati ​​dell’uva e del pino nelle giare. Hanno evidenziato come nei processi di vinificazione del vino rosso e bianco, il pino servisse per creare catrame e impermeabilizzare le giare. Ma non solo. Molto probabilmente serviva anche ad aromatizzare la bevanda, come già osservato in altri studi archeologici. Il polline della vite identificato negli antichi contenitori corrisponde a quello di specie selvatiche della zona, suggerendo che questi viticoltori utilizzassero piante locali. Il catrame derivante dal pino invece non era locale, quindi secondo gli studiosi è stato probabilmente importato dalla Calabria o dalla Sicilia.

Si tratta di una ricerca fondamentale, il cui esito dimostra i benefici di un approccio multidisciplinare quando si tratta di indagare pratiche culturali a partire da reperti archeologici. In questo caso, l’identificazione dei resti vegetali, l’analisi, la documentazione storica e archeologica, la progettazione anfore ei reperti precedenti hanno contribuito alle conclusioni, di “interpretare una storia di là dei manufatti che non sarebbe possibile utilizzando una sola tecnica“, hanno sottolineato gli autori. “Se dovessimo ricordare un solo messaggio dalla lettura di questo articolo, sarebbe correlato alla metodologia multidisciplinare applicata“, ha concluso Louise Chassouant, chimica dell’Università di Avignone.