Maltempo Toscana, oltre 1.500 fulmini nella notte nel Fiorentino: a Firenze tanti disagi ma danni lievi

Tra le 22 e le 23 di ieri, un temporale associato a forti colpi di vento e numerose fulminazioni ha attraversato parte del territorio della città metropolitana di Firenze

MeteoWeb

Sono oltre 1.500 i fulmini caduti in poche ore nella sola Toscana centrale in seguito al maltempo che ieri sera ha interessato soprattutto le province di Firenze, Prato e Arezzo. A dirlo e’ Coldiretti Toscana sulla base dei dati dell’Osservatorio nazionale Citta’ clima. L’associazione rileva, in una nota, che in Toscana solo nel 2021 si sono registrati 10 eventi estremi tra allagamenti da piogge intense, danni da trombe d’aria ed esondazioni fluviali. Il bilancio sale a 80 se prendiamo come riferimento il periodo che va dal 2010 al 2021. La costa nord e’ stata l’area regionale piu’ colpita con 17 eventi, di cui nove casi di trombe d’aria, con due morti, e sei casi di allagamenti da piogge intense, con nove morti.  

Tra le ore 22 e le ore 23 di giovedì 7 luglio, un temporale associato a forti colpi di vento e numerose fulminazioni ha attraversato parte del territorio della città metropolitana di Firenze, provocando la caduta di numerose alberature, transenne o di recinzioni di cantieri sulle strade. Non si registrano feriti. Le principali criticità sono state registrate nella zona di Borgo San Lorenzo, Firenze, Chianti e Valdarno Superiore.  

A Firenze, “il temporale di ieri sera ha provocato in città danni lievi ma molti disagi”, ha detto l’assessore all’ambiente Andrea Giorgio, che ha aggiunto: ”come Amministrazione abbiamo iniziato subito a lavorare per risolvere i disagi e mettere in sicurezza le aree più colpite dal vento. Poi sono cominciate le operazioni di pulizia e ripristino del decoro. Ringraziamo tutti coloro che si sono subito impegnati per il ripristino della normalità – un lavoro straordinario che è cominciato stanotte ed è tuttora in corso da parte dei Vigili del Fuoco, della Polizia Municipale, dei dipendenti del Comune, della Protezione Civile e di Alia – chiediamo ai fiorentini un po’ di pazienza. Eventi estremi come quello di ieri sera sono causati dai cambiamenti climatici in atto, dobbiamo prepararci ad affrontarli sempre più frequentemente e ad intraprendere la strada della transizione ecologica con coraggio e fermezza se non vogliamo consegnare ai nostri figli una quotidianità fatta di eventi estremi. Basta rincorrere l’emergenza, dobbiamo lavorare per combattere i cambiamenti climatici e la nostra città vuole essere in prima fila su questo”.