Siccità e caldo: la Francia taglia la produzione degli impianti nucleari

La siccità e le alte temperature stanno creando problemi alla produzione energetica francese

Siccità e caldo: la Francia taglia la produzione degli impianti nucleari
Foto di Christophe Petit Tesson / Ansa

Electricite de France SA ha affermato che è probabile l'estensione dei tagli alla produzione nucleare poiché il clima torrido sta spingendo verso l'alto le temperature dei fiumi, esacerbando la crisi energetica nella seconda economia dell'Unione Europea: lo riporta Bloomberg.

Il più grande produttore europeo di energia atomica, di solito esportatore netto di energia per la maggior parte dell'anno, sta importando al momento. Le questioni nucleari non sono un problema solo per la Francia, ma anche per Paesi come la vicina Germania, che potrebbe dover bruciare più gas per mantenere l'elettricità invece di conservare il carburante in deposito per l'inverno.

Martedì scorso l'utility francese ha dichiarato che le centrali elettriche sui fiumi Rodano e Garonna produrranno probabilmente meno elettricità nei prossimi giorni, ma ci sarà un livello minimo di produzione per mantenere stabile la rete. Un'ondata di caldo sta spingendo verso l'alto le temperature fluviali, limitando la capacità dell'azienda di raffreddare gli impianti.

Le riduzioni minacciano di far salire ulteriormente i prezzi dell'energia, che sono già vicini ai livelli record in Francia e Germania. L'Europa sta soffrendo la peggiore crisi energetica degli ultimi decenni, poiché i tagli al gas effettuati dalla Russia come rappresaglia per le sanzioni determinano un aumento dei prezzi. I fiumi francesi fanno parte di un problema più ampio in Europa, continente afflitto da settimane di clima secco e caldo. In Germania, il Reno è sul punto di dover chiudere al traffico commerciale in un punto chiave perché è diventato troppo poco profondo per il passaggio delle chiatte. Questo ostacola il flusso di carbone che è sempre più necessario per la produzione di energia da quando la Russia ha ridotto i flussi sul gasdotto Nord Stream.

La navigazione è diventata più difficile anche sul Danubio, mentre il fiume più lungo d'Italia, il Po, è troppo basso per irrigare i campi coltivati. Le temperature a Parigi raggiungeranno oggi i +36°C, mentre il gran caldo persisterà in Francia e Germania per i prossimi cinque giorni, secondo Maxar Technologies Inc.

Secondo le norme francesi, l'EDF deve ridurre o arrestare la produzione nucleare quando la temperatura fluviale raggiunge determinate soglie per garantire che l'acqua utilizzata per raffreddare gli impianti non danneggi l'ambiente quando viene reimmessa nei corsi d'acqua. Le restrizioni sono già state attuate in vari momenti durante l'estate. Gli ultimi avvisi includono lo stabilimento di St. Alban: la struttura opererà a un minimo di 700 megawatt, a fronte di una capacità totale di circa 2.600 megawatt. Probabili riduzioni anche nello stabilimento di Tricastin, dove due unità manterranno almeno 400 megawatt.

L'utility ha stimato che la produzione di quest'anno sarà la più bassa in più di tre decenni poiché più impianti saranno chiusi per manutenzione e controlli. I suoi problemi stanno costringendo la nazione, tradizionalmente esportatrice, a fare affidamento sulle importazioni dai vicini, incluso il Regno Unito, che sta già affrontando la propria crisi energetica.