Allarme colera in Siria, confermati più di 2.500 casi e 39 decessi

L'OMS prevede che i casi di colera potrebbero salire a quasi mezzo milione

MeteoWeb

La Siria settentrionale sta affrontando un’epidemia di colera che potrebbe mettere a rischio migliaia di vite a meno che gli aiuti non vengano rapidamente intensificati: lo afferma l’ONG internazionale Islamic Relief, secondo cui sono già stati confermati più di 2.500 casi e 39 decessi, e la malattia altamente contagiosa si sta diffondendo rapidamente.

Più di un decennio di crisi in Siria ha lasciato in rovina le infrastrutture sanitarie e idriche del Paese. A Idlib il 31% delle strutture sanitarie e il 40% dei sistemi idrici non funzionano più. Ora la siccità ha causato l’abbassamento del livello dell’acqua nel fiume Eufrate, riducendo ulteriormente l’accesso all’acqua potabile. Quasi la metà di tutti i siriani ora fa affidamento su fonti d’acqua non sicure.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità prevede che i casi di colera potrebbero salire a quasi mezzo milione se l’epidemia non sarà contenuta rapidamente.