L’Egitto svela il sarcofago di un “segretario reale” di 3.200 anni fa

Trovato nel sito archeologico di Saqqara, in Egitto, il sarcofago in granito rosso di Ptah-em-uya, "un alto funzionario" sotto Ramses II

MeteoWeb

L’Egitto ha svelato un sarcofago di un alto funzionario reale di oltre 3.200 anni fa nel sito archeologico di Saqqara a sud del Cairo, l’ultima di una serie di spettacolari scoperte nell’area. Un team di archeologi egiziani dell’Università del Cairo ha trovato il sarcofago in granito rosso di Ptah-em-uya, “un alto funzionario” sotto Ramses II, che governò l’Egitto nel XIII secolo a.C., ha affermato il Ministero delle Antichità. 

Il nobile era “segretario reale, capo sorvegliante del bestiame, capo del tesoro del Ramasseum”, il tempio funerario di Ramses nella necropoli tebana di Luxor, ha detto Mostafa Waziri, capo del Consiglio supremo delle antichità egiziane. Il funzionario era anche “responsabile delle offerte divine a tutti gli dei dell’Alto e del Basso Egitto”, ha aggiunto Waziri. 

Il Dottor Ola Al-Ajezi, capo del team archeologico, ha affermato che gli studi hanno mostrato che il coperchio del sarcofago era rotto, “il che indica che il cimitero era stato precedentemente aperto in epoche successive per la sepoltura ed era stato esposto a furto”.  

La tomba di Ptah-em-uya è stata trovata l’anno scorso. L’annuncio arriva appena un giorno dopo che gli archeologi israeliani hanno annunciato la scoperta “da una volta nella vita” di una grotta funeraria anch’essa dell’epoca di Ramses II, piena di dozzine di pezzi di ceramica e manufatti in bronzo.  

Saqqara è una vasta necropoli dell’antica capitale egiziana Menfi, un sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO che ospita più di una dozzina di piramidi, luoghi di sepoltura di animali e antichi monasteri copti cristiani.  

L’attuale stagione di scavi ha rivelato il sarcofago di granito, “coperto di testi” per “salvaguardare i defunti” e “scene che rappresentano i figli del dio Horus”, secondo il Ministero delle Antichità. 

sarcofago segretario reale egitto