Cosa significa il successo del test della missione Artemis

Missione Artemis I, buone notizie: il test di rifornimento ha avuto esito positivo, ma la strada per il lancio è ancora lunga

MeteoWeb

Il megarazzo della missione Artemis I della NASA ha superato un test di rifornimento cruciale nelle scorse ore, mantenendolo potenzialmente sulla buona strada per il liftoff del 27 settembre.

Artemis I prevede il lancio di una capsula Orion senza equipaggio, diretta verso l’orbita lunare, utilizzando il gigantesco razzo Space Launch System (SLS). La NASA ha provato a lanciare la missione il 29 agosto e il 3 settembre, ma, durante il secondo tentativo, è stata ostacolata da una perdita di propellente a idrogeno liquido in una “disconnessione rapida” sullo stadio centrale SLS, un’interfaccia che collega il razzo con una linea di carburante della torre di lancio mobile.

Missione Artemis, successo per il test di rifornimento

Il team di Artemis I ha sostituito due sigilli attorno alla disconnessione rapida il 9 settembre, e in seguito ha programmato un test di rifornimento per verificare la risoluzione del problema. Il test è avvenuto ieri, sul Launch Pad 39B presso il Kennedy Space Center (KSC) della NASA in Florida e ha portato buone notizie per la missione.

Tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati oggi sono stati raggiunti,” ha dichiarato il direttore di lancio Charlie Blackwell-Thompson, dell’Exploration Ground Systems Program presso il KSC.

Questo non vuol dire che tutto sia filato liscio. Ad esempio, la perdita nella sezione di disconnessione rapida si è ripresentata durante il caricamento di idrogeno liquido, ma il team è riuscito a risolverla: hanno riscaldato la disconnessione rapida, consentendogli di “riposizionarsi”, e ciò ha ridotto la velocità di perdita a livelli accettabili.

I membri del team Artemis hanno anche notato una diversa perdita di idrogeno durante un “test di pre-pressurizzazione”, anch’esso parte delle attività di ieri. Questo test “ha consentito agli ingegneri di calibrare le impostazioni utilizzate per il condizionamento dei motori durante il conteggio dei terminali e di convalidare le linee temporali prima del giorno del lancio per ridurre i rischi di pianificazione durante il conto alla rovescia del giorno del lancio,” hanno spiegato i funzionari della NASA dopo che il test si è concluso.

Questa seconda perdita era più piccola dell’altra e il team di Artemis I è stato in grado di tenerla sotto controllo, hanno affermato i funzionari dell’agenzia spaziale.

La NASA ha individuato obiettivo di lancio il 27 settembre, con una possibile data di backup il 2 ottobre, ma è troppo presto per prendere un impegno formale per una di queste date nonostante il successo di ieri, ha affermato Blackwell-Thompson. “Penso che prenderemo i dati e andremo a vedere cosa ci dicono,” ha detto, aggiungendo: “Sono estremamente incoraggiato dal test di oggi e dal raggiungimento di tutti i nostri obiettivi“.

Una strada piena di ostacoli

Tante altre cose devono andare per il verso giusto affinché la missione venga lanciata: il meteo deve collaborare, per esempio, e non è mai una certezza sulla Space Coast della Florida. La missione deve anche ottenere una deroga in riferimento alla certificazione del suo sistema di terminazione di volo (FTS), progettato per distruggere l’SLS se dovesse deviare dalla rotta durante il lancio.

La US Space Force, che supervisiona l’Eastern Range per i lanci di razzi, ha certificato l’FTS di Artemis I per 25 giorni e il tempo è scaduto. La NASA ha chiesto una deroga: se non verrà concessa, l’enorme razzo dovrà lasciare il Pad 39B e tornare al Vehicle Assembly Building, l’unico luogo in cui può avvenire la ricertificazione.

In questo momento, siamo ancora in fase di discussioni tecniche,” ha dichiarato Tom Whitmeyer, vice amministratore associato della NASA per il Common Exploration Systems Development durante una conferenza stampa lunedì scorso. “Sono state molto produttive e collaborative“.

Artemis I ha già ricevuto una di queste esenzioni FTS, che ha esteso la certificazione da 20 giorni a 25.

Dalla Luna a Marte

Se tutto andrà bene con Artemis I, Artemis II porterà gli astronauti intorno alla Luna nel 2024. L’allunaggio avverrà con Artemis III, vicino al polo sud lunare, un anno o due dopo. Il programma Artemis mira, infine, a stabilire una presenza umana a lungo termine sopra e intorno alla Luna e a utilizzare le abilità e le conoscenze acquisite in tal modo per portare gli astronauti su Marte alla fine degli anni ’30 o all’inizio degli anni ’40.