Un ano mille usi: da un reperto i segreti di corteggiamento dei dinosauri

Il primo ano di dinosauro ritrovato e conservatosi fino ad oggi è in condizioni perfette e unico nel suo genere: dalla sua analisi i paleontologi hanno scoperto diversi segreti di accoppiamento

MeteoWeb

Il primo ano di dinosauro mai scoperto è riuscito a fare luce dove non batte il sole. La scoperta avvenuta lo scorso anno ha rivelato come i dinosauri usassero questa apertura multiuso – scientificamente nota come sfogo cloacale – non solo espletare i propri bisogni fisiologici, ma anche per riprodursi e deporre le uova.

L’ano di dinosauro è così ben conservato che i ricercatori hanno potuto vedere i resti di due piccoli rigonfiamenti dalla sua “porta sul retro“. Si tratta probabilmente di ghiandole odorose muschiate che il rettile usava durante il corteggiamento. Si tratta di una particolarità anatomica vista anche nei coccodrilli viventi, come hanno spiegato gli scienziati che hanno studiato l’esemplare.

Sebbene l’ano di questo dinosauro condivida alcune caratteristiche con quelli di alcune creature viventi, si tratta di un particolare unico nel suo genere. “L’anatomia è unica“, ha spiegato il ricercatore capo dello studio Jakob Vinther, paleobiologo dell’Università di Bristol nel Regno Unito. Non assomiglia, ad esempio, all’ano degli uccelli, che sono i parenti viventi più stretti dei dinosauri. Assomiglia un po’ a quella di un coccodrillo, ma è diverso. “È la sua cloaca, modellata nel suo modo perfetto e unico“, ha detto Vinther.

ano di dinosauro
Uno sguardo ravvicinato dello sfiato cloacale di Psittacosaurus conservato (in alto) e un’illustrazione di come potrebbe essere stato (in basso). (Credito immagine: Vinther J. et al. Current Biology. (2021))

L’ano di Psittacosaurus

Il reperto ben conservato appartiene al dinosauro Psittacosaurus, un esemplare dalla coda ispida, delle dimensioni di un Labrador, con la faccia corno, il che significa che era un parente del Triceratopo. Come il suo famoso cugino con tre corna, Psittacosaurus visse durante il periodo Cretaceo, che durò da circa 145 milioni a 65 milioni di anni fa. In precedenza, Vinther e i suoi colleghi avevano studiato questo esemplare di Psittacosaurus, trovato in Cina, per determinarne il colore della pelle. Già in quel frangente si notò che le parti inferiori erano state preservate.

Poi, ho avuto la possibilità di guardare di nuovo l’esemplare, da vicino, e all’improvviso ho capito: ‘Oh mio dio, la cloaca è in realtà abbastanza ben conservata e possiamo effettivamente vedere dell’anatomia che non pensavo potessimo vedere’“, ha detto Vinther. Quindi, ha dato un’occhiata più da vicino con i co-ricercatori dello studio Robert Nicholls, paleoartista, e Diane Kelly, esperta di peni vertebrati e sistemi copulatori presso l’Università del Massachusetts Amherst.

babbuini

Il ruolo della melanina

Nessuno dei tessuti molli riproduttivi (come un pene) è stato preservato. Quindi i ricercatori non sono in grado di dire se il dinosauro fosse maschio o femmina. Per avere un quadro più completo dello sfogo cloacale di Psittacosaurus, Kelly lo ha confrontato con quelli dei vertebrati terrestri viventi. Lo sfiato è l’apertura e la cloaca, che deriva dalla parola latina “fogna“, è la camera muscolare dietro di essa. Le regioni esterne della cloaca erano ricoperte da una tonalità scura di melanina. Forse questa area pigmentata di scuro era un tipo di display visivo, simile al rosso vivo visti oggi nei babbuini, hanno detto i ricercatori. Lo Psittacosaurus bruno-rossastro era in contrasto, il che significa che aveva un dorso scuro e una parte inferiore chiara, quindi il suo posteriore pigmentato si sarebbe distinto, ha detto. Questa melanina scura potrebbe anche aver fornito protezione antimicrobica, qualcosa che si vede negli esseri umani. “Abbiamo melanina in alcune parti del corpo che non vedono mai la luce del sole“, ha detto Vinther. “Il nostro fegato è pieno zeppo di melanina, perché non vogliamo infezioni microbiche in questi luoghi“.

ano di dinosauro
Un fossile di Psittacosaurus (in alto), conservato al Museo di Storia Naturale di Senckenberg in Germania, ha conservato la pelle, la pigmentazione e la prima bocca cloacale conosciuta mai registrata (in basso). (Credito immagine: Bob Nicholls/Paleocreations.com 2020)

L’ano di dinosauro e i suoi usi

I lobi pigmentati su ciascun lato dell’apertura anale del dinosauro potrebbero aver contenuto ghiandole che secernono muschio, hanno aggiunto i ricercatori. Queste ghiandole si trovano sia nei coccodrilli maschi che nelle femmine. In queste creature rilasciano una sostanza grassa e odorosa durante il corteggiamento.

Proprio come nella maggior parte dei vertebrati terrestri (ad eccezione dei mammiferi, che hanno più di un foro per la defecazione, la minzione e la riproduzione), questo dinosauro usava l’ano per tutto. Questo spiega perché i ricercatori abbiano trovato escrementi fossilizzati all’interno. “È come un coltellino svizzero di aperture escretrici“, ha detto Vinther. “Faceva di tutto“.