A Svante Pääbo il Premio Nobel per la Medicina, Lincei: “un onore averlo come socio”

Svante Pääbo, ricercatore svedese, socio straniero dell'Accademia dei Lincei, è stato appena insignito del Premio Nobel per Medicina e Fisiologia 2022

MeteoWeb

Una missione all’apparenza impossibile: sequenziare il genoma del Neanderthal, un parente estinto degli esseri umani di oggi: ci è riuscito è il biologo svedese Svante Pääbo, Premio Nobel per la Medicina 2022. Lo scienziato è anche autore di una sensazionale rivelazione: ha scoperto un ominide precedentemente sconosciuto, Denisova.

Pääbo è il padre della paleogenomica, ha dato origine a una disciplina scientifica completamente nuova e guardando dentro al codice della vita dei nostri antenati più remoti ha finito per raccontare all’uomo da dove veniamo.

La ricostruzione dei genomi antichi è stata un’avventura affascinante che ci ha permesso di ricostruire la storia dell’umanità e dei rapporti con in nostri fratelli estinti, i Neandertaliani e i Denisovani. Un premio Nobel meritatissimo a un grande scienziato che abbiamo l’onore di avere come socio straniero dell’Accademia dei Lincei“: così in una nota congiunta il presidente dell’Accademia dei Lincei, Roberto Antonelli e il vicepresidente Giorgio Parisi, commentano l’assegnazione del Premio Nobel per la Medicina 2022.