Incredibile in Calabria, pescano una Gazza Marina nel mar Jonio | VIDEO

Il video virale sui social: "abbiamo pescato un pinguino, abbiamo pescato un pinguino. Le esilaranti immagini dei pescatori calabresi che hanno pescato una Gazza Marina

VIDEO
Calabria, il video del pescatore che a Bovalino (RC) ha pescato una Gazza Marina
MeteoWeb

Abbiamo pescato un pinguino, abbiamo pescato un pinguino“: increduli per lo stupore, due pescatori calabresi commentano quanto accaduto stamani sulla spiaggia di Bovalino, sulla costa jonica della provincia di Reggio Calabria. Eppure stamani a Bovalino la temperatura minima registrata all’alba era di +15°C: ovviamente l’animale non è un pinguino, ma ha fatto comunque grande scalpore e soprattutto il giro del web, diventando virale su Whatsapp.

La sorpresa è comunque grande per gli studiosi e appassionati: si tratta di un esemplare di Gazza Marina, una specie considerata non comune nel Mediterraneo centrale in quanto è tipica dell’oceano Atlantico e delle zone fredde settentrionali. Quest’anno, però, si stanno registrando massicci avvistamenti della Gazza dalla Liguria alla Campania in vista della stagione invernale che, forse, le Gazze prevedono molto fredde. Oppure, in base ad altre condizioni meteorologiche, stanno tornando nel Mediterraneo come accadeva più di frequente diversi decenni fa.

La Gazza Marina è una specie tipica del nord Europa, le cui maggiori colonie si trovano in Norvegia, Irlanda e Regno Unito – ha spiegato in un’intervista dei giorni scorsi Enrico Carta, ornitologo del team di ricercatori di Delfini Del Ponente – È un migratore regolare che viene a svernante del Mar Ligure e arriva in inverno, generalmente nei mesi di dicembre e gennaio. Poi torna nell’Oceano per trascorrere i rimanenti mesi dell’anno. Grazie alla sua colorazione tipica (sono bianchi e neri), somigliano ai pinguini e come questi si aiutano nel nuoto con la coda e con le ali. Questo uccello si sposta seguendo la linea costiera, quindi diciamo che costeggia le coste atlantiche del continente europeo e poi dallo Stretto di Gibilterra arriva qui. E si ferma volentieri nel Mar Ligure perché è una delle porzioni più a Nord del Mediterraneo, e quindi con acque un po’ più fredde. Altri esemplari invece volano ancora più a sud come dimostrano gli ultimi avvistamenti anche nel Lazio e nel Golfo di Napoli“.