Cina, migliaia costretti alla fila sotto la neve per un test Covid obbligatorio e Green Pass alterati | VIDEO

Le ultime follie del regime comunista della Cina: Green Pass modificati da remoto per intrappolare i cittadini e test Covid obbligatori sotto la neve. I video

MeteoWeb

Situazione molto controversa in Cina per la gestione della pandemia di Covid-19 e delle relative proteste che da dieci giorni hanno riempito le piazze delle città come non succedeva da oltre 30 anni nel Paese governato dal regime Comunista. Oggi le autorità cinesi hanno annunciato un ulteriore allentamento delle restrizioni nelle principali città come Shenzhen e Pechino che non richiedono più test negativi per prendere i mezzi pubblici.

Il leggero allentamento dei requisiti dei test arriva anche quando le infezioni virali giornaliere raggiungono livelli record – ma comunque molto basse in termini relativi alla popolazione cinese – e segue le proteste del fine settimana in tutto il paese da parte dei residenti frustrati dalla rigida applicazione delle restrizioni antivirus. Insieme al rilassamento nella capitale Pechino, la città meridionale di Shenzhen ha dichiarato sabato che i pendolari non devono più mostrare un risultato negativo del test Covid-19 per utilizzare i mezzi pubblici o quando entrano in farmacie, parchi e attrazioni turistiche.

Queste dichiarazioni ufficiali delle autorità cinesi, però, cozzano con le testimonianze che filtrano dai social network dove qualcuno riesce a pubblicare video e foto della realtà cinese eludendo i rigidi controlli tecnologici del regime. Dal nord del Paese, infatti, è arrivato un video che evidenzia migliaia di persone costrette alla fila sotto la neve per un test Covid-19 obbligatorio, mentre un gruppo di manifestanti ha mostrato come le autorità cinesi hanno addirittura modificato da remoto lo status del GreenPass al livello più alto per impedire a queste persone di viaggiare e lasciare la città. Le immagini si possono consultare nei video a corredo dell’articolo.

Cina, stato dei Green Pass cambiato da remoto per bloccare le persone