Covid, spunta un ‘vecchio’ farmaco che previene il contagio

Un farmaco utilizzato da tempo per curare la colangite biliare primitiva, è risultato in grado di prevenire il Covid-19

MeteoWeb

E’ un farmaco noto, economico e disponibile nelle farmacie. In genere viene usato per trattare una malattia del fegato, la colangite biliare primitiva, ma quanto pare è in grado di prevenire il Covid-19. Funzionerebbe da barriera contro tutte le varianti del virus Sars-CoV-2, anche quelle future, sbarrando la porta d’ingresso alle cellule degli organi bersaglio.

A giungere a questa conclusione sulle potenzialità dell’acido ursodesossicolico (Udca) è uno studio pubblicato su ‘Nature‘. Si tratta di un medicinale fuori brevetto che si assume per bocca, analizzato da un team di scienziati coordinati da Fotios Sampaziotis del Wellcome-Mrc Cambridge Stem Cell Institute dell’Università di Cambridge e dell’Ospedale di Addenbrooke (Uk). Lo studio ha visto anche la collaborazione di Ludovic Vallier del Berlin Institute of Health at Charité (Germania). Il lavoro è stato condotto su organoidi (modelli d’organo miniaturizzati fabbricati in laboratorio), su animali, su organi umani e su un piccolo gruppo di volontari sani.

Lo studio sul farmaco

Si attende ora la conferma dei risultati da parte di studi clinici più ampi. In quel caso, secondo gli autori l’Udca,  il farmaco potrebbe affiancare i vaccini offrendo uno ‘scudo’ efficace anche ai pazienti per i quali la vaccinazione non funziona o è inaccessibile. Diverrebbe inoltre indispensabile per le persone a maggior rischio di infezione. “Abbiamo trovato un modo per chiudere la porta al virus, impedendogli di entrare nelle nostre cellule e proteggendoci dal contagio“, spiega Sampaziotis. L’Udca non agisce  sul virus, ma sul recettore cellulare Ace2 che Sars-CoV-2 sfrutta per introdursi nelle cellule target. Il farmaco potrebbe dunque essere efficace indipendentemente dalla variante del coronavirus pandemico.

Le ricerche sono partite dal gruppo di Sampaziotis che, per studiare le patologie dei dotti biliari aveva costruito ‘mini dotti’ capaci di riprodurre le funzioni di quelli naturali. La sua équipe aveva scoperto in maniera quasi fortuita che una molecola nota come Fxr, presente in grandi quantità negli organoidi di dotto biliare, regola direttamente lo stato di apertura o chiusura di Ace2. Gli scienziati hanno quindi dimostrato che l’Udca ‘spegne‘ Fxr trasformando Ace2 in una ‘porta blindata‘. In questo nuovo lavoro, Sampaziotis e colleghi hanno utilizzato lo stesso approccio per sbarrare Ace2 in modelli miniaturizzati di polmone o intestino, due tra bersagli preferiti di Sars-CoV-2, e prevenire l’infezione virale. L’esperimento ha avuto successo e i ricercatori hanno affrontato gli step successivi.

I prossimi passi

Dagli organoidi gli studiosi sono passati innanzitutto agli animali: insieme ad Andrew Owen dell’Università di Liverpool (Uk) hanno confermato che Udca riesce a prevenire l’infezione nei criceti esposti a Sars-CoV-2. Dopo gli animali, l’uomo. Prima, lavorando con Andrew Fisher dell’Università di Newcastle (Uk) e Chris Watson dell’ospedale di Addenbrooke, gli scienziati hanno verificato i loro risultati su due polmoni umani prelevati da cadavere e non adatti a trapianto. Gli organi sono stati mantenuti vitali e ‘respiranti‘, e uno è stato trattato con il farmaco. Entrambi sono stati messi a contatto con il virus, osservando che il polmone ‘controllo‘ si infettava mentre quello curato no.

Come ultimo step sono arrivati i test su volontari umani, svolti in collaborazione con Ansgar Lohse del Centro medico universitario Hamburg-Eppendorf, in Germania. L’Udca è stato somministrato a 8 persone sane, nei cui tamponi nasali sono stati effettivamente trovati livelli più bassi di Ace2, a suggerire che il virus avrebbe meno probabilità di infettarli. Sebbene non fosse possibile condurre un trial clinico su vasta scala, i ricercatori hanno indagato sullo ‘stato Covid‘ di due gruppi di pazienti: uno riceveva il farmaco perché affetto da colangite biliare primitiva, l’altro non lo assumeva. E’ così emerso che i pazienti del ‘gruppo Udca’ avevano meno probabilità di sviluppare Covid-19 grave e di essere ricoverati in ospedale.

Le conclusioni degli autori

Questo studio unico – afferma la prima autrice Teresa Brevini, dottoranda dell’Università di Cambridge – ci ha dato l’opportunità di fare davvero scienza traslazionale“, dal bancone al letto del malato, “sfruttando una scoperta di laboratorio per provare a rispondere a un’esigenza clinica. Usando quasi tutti i possibili approcci a nostra disposizione, abbiamo dimostrato che un farmaco già disponibile chiude la porta d’ingresso al virus e può proteggerci da Covid-19. E’ importante sottolineare che, poiché questo farmaco agisce sulle nostre cellule” e non sul virus, “non è influenzato dalle mutazioni virali e dovrebbe mantenersi efficace anche quando emergono nuove varianti“.

Secondo Sampaziotis, questo vecchio farmaco potrebbe dunque offrire in futuro una strategia efficace e low cost per proteggere dall’infezione da Sars-CoV-2 le persone nelle quali il vaccino non funziona o che non possono accedervi. “Utilizziamo l’Udca in clinica da molti anni – rimarca l’autore del lavoro – quindi sappiamo che è sicuro e molto ben tollerato, cosa rende semplice la somministrazione a pazienti ad alto rischio Covid“. “Questa compressa costa poco – aggiunge Sampaziotis – Il farmaco può essere prodotto velocemente in grandi quantità e conservato facilmente, il che lo rende facile da distribuire rapidamente in caso di pandemia soprattutto contro varianti virali resistenti ai vaccini, quando potrebbe essere l’unica linea di protezione in attesa che vengano sviluppati nuovi vaccini” aggiornati.

Siamo ottimisti – conclude lo scienziato – sul fatto che questo farmaco possa diventare un’arma importante nella nostra lotta contro Covid-19“.