Altri 40 satelliti OneWeb in orbita: presto servizi in Europa e America | FOTO

Lanciati con un razzo Falcon 9 di SpaceX alti 40 satelliti OneWeb: la costellazione sale a quota 504 satelliti

  • lancio spacex satelliti oneweb 2
    Credit: SpaceX
  • lancio spacex satelliti oneweb 2
    Credit: SpaceX
  • lancio spacex satelliti oneweb
    Credit: SpaceX
  • lancio spacex satelliti oneweb
    Credit: SpaceX
/
MeteoWeb

Mandati in orbita altri 40 satelliti OneWeb, la rete di connessione internet via satellite dell’azienda anglo-indiana che ha siglato un accordo di fusione con la francese Eutelsat. Con i nuovi satelliti in orbita, la costellazione raggiunge quota 504, su 588 previsti per la piena operatività, e potrà presto iniziare a fornire servizi di connessione per gran parte di Europa e Nord America.  

Il lancio dei nuovi 40 satelliti è stato realizzato con un Falcon 9 di SpaceX, dal Kennedy Space Center in Florida, che ha completato con successo il lancio, portando i satelliti in orbita a 600 chilometri mentre il primo stadio del razzo è rientrato regolarmente alla base di lancio. 

Questo lancio è molto, molto importante per noi – ha commentato Massimiliano Ladovaz, responsabile tecnico scientifico di OneWeb – perché ci consentirà di aumentare in modo significativo la copertura del nostro servizio. Con questo lancio, saremo in grado di coprire fino a 25 gradi nord e sud di latitudine. Ciò significa che tutti gli Stati Uniti, e metà dell’Australia giù, e gran parte del Sud America”.

La realizzazione della costellazione Oneweb aveva subito un brusco rallentamento con l’inizio della guerra in Ucraina. Infatti, in precedenza per i lanci dei satelliti venivano utilizzati i razzi russi Soyuz sotto la gestione di Arianespace, che ne aveva messi in orbita oltre 400 in 13 lanci. I successivi lanci sono stati quindi riprogrammati con altri operatori. Il primo poche settimane fa con un razzo indiano e ora con l’azienda americana che sta anche completando la realizzazione di una costellazione analoga, denominata Starlink, che fornisce già i primi servizi di collegamenti internet satellitare.