Spazio, missione Shenzhou-14: tre astronauti cinesi tornano sulla Terra | FOTO

Gli astronauti Chen Dong e gli astronauti Liu Yang e Cai Xuzhe sono tornati sulla Terra dopo 6 mesi di lavoro sulla stazione spaziale cinese Tiangong

  • astronauti cinesi Shenzhou-14
    Foto XINHUA / Li Gang
  • astronauti cinesi Shenzhou-14
    Foto XINHUA / Li Gang
  • astronauti cinesi Shenzhou-14
    Foto XINHUA / Li Gang
  • astronauti cinesi Shenzhou-14
    Foto XINHUA / Li Gang
/
MeteoWeb

Tre astronauti cinesi sono atterrati oggi dopo sei mesi di lavoro per completare la costruzione della stazione di Tiangong, simbolo dell’ambizioso programma spaziale del Paese, secondo quanto riferito dalla TV di stato. La capsula che trasportava il comandante Chen Dong e gli astronauti Liu Yang e Cai Xuzhe è atterrata in un sito di atterraggio nel deserto del Gobi, nel nord della Cina, intorno alle 20:10 locali (le 13:10 italiane).  

Prima di tornare sulla Terra, i 3 astronauti si sono sovrapposti per quasi cinque giorni con tre colleghi che sono arrivati mercoledì 30 novembre nell’ambito della missione Shenzhou-15 per il loro soggiorno di sei mesi, segnando la prima volta che la Cina ha avuto sei astronauti nello spazio contemporaneamente. Il terzo e ultimo modulo della stazione è attraccato alla stazione questo mese.  

Gli astronauti sono stati portati fuori dalla capsula dagli operatori sanitari circa 40 minuti dopo l’atterraggio. Erano tutti sorridenti e sembravano essere in buone condizioni, salutando felicemente i lavoratori sul luogo dell’atterraggio.  

“Sono molto fortunato ad aver assistito al completamento della struttura di base della stazione spaziale cinese dopo sei mesi impegnativi e appaganti nello spazio“, ha detto Chen, che è stato il primo a uscire dalla capsula. Liu ha detto di essere stata commossa nel vedere i parenti e i suoi compagni compatrioti. 

I tre astronauti facevano parte della missione Shenzhou-14, lanciata a giugno. Dopo il loro arrivo alla Tiangong, Chen, Liu e Cai hanno supervisionato cinque attracchi con vari veicoli spaziali, incluso uno che trasportava il terzo dei tre moduli della stazione. Hanno anche eseguito tre passeggiate nello spazio, trasmesso una lezione di scienze dal vivo dalla stazione e condotto una serie di esperimenti. 

La stazione spaziale Tiangong 

La stazione spaziale Tiangong fa parte dei piani ufficiali cinesi per una presenza umana permanente in orbita. La Cina ha costruito la propria stazione dopo essere stata esclusa dalla Stazione Spaziale Internazionale, in gran parte a causa delle obiezioni degli Stati Uniti sugli stretti legami dei programmi spaziali cinesi con l’Esercito Popolare di Liberazione, l’ala militare del Partito comunista al governo.  

Con l’arrivo della missione Shenzhou-15, la stazione si è espansa fino al suo peso massimo di 100 tonnellate. Senza veicolo spaziale collegato, la stazione cinese pesa circa 66 tonnellate, una frazione della Stazione Spaziale Internazionale, che ha lanciato il suo primo modulo nel 1998 e pesa circa 465 tonnellate.  

Con una durata di vita compresa tra 10 e 15 anni, Tiangong potrebbe un giorno essere l’unica stazione spaziale ancora attiva e funzionante se la Stazione Spaziale Internazionale si ritirerà, come previsto, verso la fine del decennio.  

La Cina ha ottenuto successi anche nelle missioni senza equipaggio: il suo rover Yutu 2 è stato il primo a esplorare il lato nascosto e poco conosciuto della Luna. La sua sonda Chang’e 5 ha anche riportato rocce lunari sulla Terra nel dicembre 2020 per la prima volta dagli anni ’70, e un altro rover cinese sta cercando prove della vita su Marte. Si dice che i funzionari stiano prendendo in considerazione un’eventuale missione con equipaggio sulla Luna, sebbene non sia stata offerta alcuna tempistica.