Il più grande fiore conservato nell’ambra: ha quasi 40 milioni di anni | FOTO

Le proprietà della resina hanno aiutato a conservare l'antico fiore impedendo che gli organismi crescessero sul fossile causando danni

  • più grande fiore fossile
    Fiore fossile di Symplocos kowalewskii (Symplocaceae) dall'ambra baltica - fino ad oggi, di gran lunga la più grande inclusione floreale scoperta da qualsiasi ambra. Credit: Carola Radke, MfN (Museum für Naturkunde Berlin)
  • più grande fiore fossile
    Fiore fossile di Symplocos kowalewskii (Symplocaceae) dall'ambra baltica - fino ad oggi, di gran lunga la più grande inclusione floreale scoperta da qualsiasi ambra. Credit: Carola Radke, MfN (Museum für Naturkunde Berlin)
  • più grande fiore fossile
    Fiore fossile di Symplocos kowalewskii (Symplocaceae) dall'ambra baltica - fino ad oggi, di gran lunga la più grande inclusione floreale scoperta da qualsiasi ambra. Credit: Carola Radke, MfN (Museum für Naturkunde Berlin)
/
MeteoWeb

Nuove immagini del fiore fossilizzato più grande conosciuto sono pubblicate sulla rivista Scientific Reports. Il fossile si è conservato nell’ambra. Misura ben 28 millimetri di diametro ed è quasi tre volte più grande di altri fiori conservati.

Racchiuso nell’ambra delle foreste baltiche del nord Europa, risale a quasi 40 milioni di anni fa. Secondo gli esperti potrebbe provenire da un’antica pianta sempreverde originariamente chiamata Stewartia kowalewskii.

L’analisi dell’antico fiore

Eva-Maria Sadowski e Christa-Charlotte Hofmann hanno analizzato nuovamente il fiore fossilizzato ed eccezionalmente grande. I ricercatori lo avevano descritto e nominato per la prima volta nel 1872. Secondo gli esperti è possibile datarlo al tardo Eocene, da 38 milioni a 33,9 milioni di anni fa. Gli autori hanno estratto il polline dal campione. L’analisi suggerisce che il fiore è strettamente correlato alla specie asiatica di Symplocos. Per questo motivo si è proposto un nuovo nome: Symplocos kowalewskii.

Secondo gli autori le rare dimensioni di S. kowalewskii sono probabilmente dovute a una grande fuoriuscita di resina che lo avrebbe racchiuso. Le proprietà della resina avrebbero aiutato a impedire che gli organismi crescessero sul fiore causando danni.