Asteroide si avvicina alla Terra: oggi passerà più vicino della Luna, ecco come vederlo

Oggi sarà possibile osservare l'asteroide mentre sfreccerà a soli 354mila km dal nostro pianeta
MeteoWeb

Un asteroide scoperto pochi giorni fa raggiungerà il suo punto più vicino alla Terra oggi, sabato 27 gennaio, quando attraverserà il cielo a una distanza più vicina a noi rispetto alla Luna. Gli astronomi hanno individuato per la prima volta il sasso spaziale, chiamato 2024 BJ, largo circa 37 metri, il 17 gennaio. Hanno documentato la loro scoperta il giorno successivo, dopo aver calcolato che la roccia passerà in modo sicuro oltre il nostro pianeta senza pericoli di alcun tipo.

Il passaggio “ravvicinato”

L’asteroide volerà vicino alla Luna poco prima delle 15 ora italiana, per poi sfrecciare oltre la Terra 3 ore e mezza più tardi, a una velocità stimata di 22.850 km/h. La roccia spaziale raggiungerà il suo punto più vicino al nostro pianeta alle 18:30 ora italiana, secondo la NASA.

Come vedere il flyby dell’asteroide 2024 BJ oggi

È possibile osservare l’asteroide delle dimensioni di un aeroplano mentre sfreccerà a soli 354mila km dalla Terra, più di nove decimi della distanza media tra il nostro pianeta e la Luna, grazie ad un livestream del Virtual Telescope Project, a cura dell’astrofisico Gianluca Masi, a partire dalle 18:15 ora italiana. Durante la trasmissione in diretta, sarà possibile vedere l’asteroide come un piccolo punto bianco che si muove rapidamente tra le stelle sullo sfondo.

passaggio asteroide 27 gennaio

2024 BJ, un asteroide near-Earth Apollo

2024 BJ è un asteroide nearEarth del tipo Apollo, il che significa che la sua orbita a forma di “uovo” attraversa quella della Terra per raggiungere il suo punto più vicino al Sole, per poi voltarsi e allontanarsi verso la principale cintura di asteroidi tra Marte e Giove.

Gli asteroidi Apollo (ne sono attualmente noti oltre 1.600) costituiscono la maggior parte della popolazione degli asteroidi che attraversano la Terra e che sono “potenzialmente pericolosi”. Va chiarito che non c’è nulla da temere: 2024 BJ non è affatto abbastanza grande da essere considerato pericoloso. In realtà, sembra che la Terra sia al sicuro dagli asteroidi, almeno da quelli catastrofici con dimensioni superiori a 1 km per i prossimi 1.000 anni.

Se un killer di pianeti attualmente sconosciuto dovesse riuscire a sorprenderci, ad esempio dalla direzione del Sole abbagliante, gli scienziati hanno già alcuni piani per affrontare una tale catastrofe minacciosa per la Terra, tra cui cercare di deviare la roccia spaziale con razzi o eventualmente con armi nucleari detonate nello Spazio. Sperando sempre che una missione del genere non sia necessaria.

Condividi