Oceani in ebollizione: è allarme rosso per il riscaldamento globale

Durante l'intero anno, la temperatura media è stata di 0,1°C superiore a quella del 2022
MeteoWeb

Le sorprendenti temperature oceaniche nel 2023 hanno sovraccaricato le condizioni atmosferiche in tutto il mondo mentre la crisi climatica continuava a intensificarsi, hanno rivelato nuovi dati pubblicati dal Guardian. Gli Oceani assorbono il 90% del calore intrappolato dalle emissioni di carbonio derivanti dalla combustione di combustibili fossili e sono quindi l’indicatore più chiaro del riscaldamento globale.

Livelli record di calore sono stati assorbiti dagli Oceani nel 2023, hanno detto gli scienziati, e i dati hanno mostrato che negli ultimi dieci anni gli Oceani sono stati ogni anno più caldi rispetto all’anno precedente. Il caldo ha portato anche a livelli record di stratificazione negli Oceani, dove l’acqua calda che si accumula in superficie riduce il mescolamento con le acque più profonde. Ciò riduce la quantità di ossigeno negli Oceani, minacciando la vita marina, e riduce anche la quantità di anidride carbonica e calore che i mari potrebbero assorbire in futuro. Misurazioni affidabili della temperatura dell’oceano risalgono al 1940, ma è probabile che gli Oceani siano ora al loro punto più caldo da 1.000 anni e si stiano riscaldando più velocemente che in qualsiasi momento degli ultimi 2.000 anni.

L’oceano è la chiave per dirci cosa sta accadendo al mondo e i dati dipingono un quadro convincente del riscaldamento anno dopo anno“, ha affermato il professor John Abraham, dell’Università di St Thomas in Minnesota, parte del team che ha condotto la ricerca e prodotto i nuovi dati. “Stiamo già affrontando le conseguenze e peggioreranno molto se non agiamo“, ha detto. “Ma possiamo risolvere questo problema oggi con l’energia eolica, solare, idroelettrica e con il risparmio energetico“.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Advances in Atmospheric Sciences: nel 2023, gli Oceani hanno assorbito 15 zetajule di calore in più rispetto al 2022. In confronto, l’umanità utilizza circa mezzo zetajule di energia all’anno per alimentare l’intera economia globale. In totale, gli Oceani hanno assorbito 287 zetajule nel 2023. La causa principale è stata un altro anno di emissioni record di carbonio, assistito da El Niño. Durante l’intero anno, la temperatura media è stata di 0,1°C superiore a quella del 2022, ma nella seconda metà del 2023 la temperatura è stata “sorprendente” di 0,3°C più alta.

Condividi