Centinaia di morti nelle improvvise inondazioni in Afghanistan

La signora Deraz ha detto che 2.011 case sono state distrutte e altre 2.800 danneggiate
MeteoWeb

Centinaia di persone sono morte dopo che inondazioni improvvise hanno colpito il nord dell’Afghanistan, con l’avvertimento che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare dopo ulteriori tempeste in tutta la regione.

La situazione in Afghanistan

Funzionari talebani affermano che almeno 150 sono stati uccisi, mentre il Programma alimentare mondiale afferma che il numero supera i 300, dopo che forti piogge hanno colpito venerdì notte cinque distretti della provincia di Baghlan. Le immagini sui social media hanno mostrato torrenti d’acqua che attraversavano le case di diversi villaggi, lasciando dietro di sé una scia di distruzione.

Il paese è stato colpito da piogge insolitamente abbondanti nelle ultime settimane, con inondazioni che hanno ucciso decine di persone a partire da metà aprile. Abdul Mateen Qani, portavoce del ministero degli Interni afghano, ha detto alla BBC che almeno 131 persone sono morte nella provincia di Baghlan e 20 a Takhar. Rana Deraz, responsabile delle comunicazioni del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP che a Baghlan ci sono stati 311 morti.

La signora Deraz ha detto che 2.011 case sono state distrutte e altre 2.800 danneggiate. Sono state colpite anche tre moschee e quattro scuole. Molti dei morti provenivano dal distretto di Borka, dove più di 200 persone erano rimaste intrappolate nelle loro case.

Gravi danni

Si segnalano inoltre gravi danni nelle province di Badakhshan, Ghor e Herat occidentale. Il funzionario locale Hedayatullah Hamdard ha detto all’agenzia di stampa AFP che il personale di emergenza, compreso l’esercito, sta “cercando ogni possibile vittima sotto il fango e le macerie“. Tende, coperte e cibo sono stati forniti ad alcune famiglie che avevano perso la casa, ha aggiunto il funzionario. La strada principale che collega Kabul al nord dell’Afghanistan è chiusa. Ciò avviene dopo che le inondazioni del mese scorso nella parte occidentale del paese hanno ucciso dozzine di persone, lasciando migliaia di persone bisognose di aiuti umanitari.

Le inondazioni improvvise

Le inondazioni improvvise si verificano quando la pioggia cade così forte che il normale drenaggio non può farcela. Gli esperti affermano che un inverno relativamente secco ha reso più difficile per il suolo assorbire le precipitazioni. Sono state sommerse anche vaste aree di terreni agricoli.

Piogge torrenziali e inondazioni uccidono persone ogni anno in Afghanistan, dove le case mal costruite nelle aree rurali isolate sono particolarmente vulnerabili. Secondo gli esperti, l’Afghanistan è tra le nazioni più a rischio a causa degli effetti del cambiamento climatico. La nazione è una delle più povere al mondo, devastata da decenni di guerra culminata nel ritiro di una coalizione guidata dagli Stati Uniti e nella ripresa del controllo da parte dei talebani nel 2021.

Molti fattori contribuiscono alle inondazioni, ma il riscaldamento dell’atmosfera causato dai cambiamenti climatici rende più probabili precipitazioni estreme. Il mondo si è già riscaldato di circa 1,1°C dall’inizio dell’era industriale e le temperature continueranno ad aumentare a meno che i governi di tutto il mondo non riducano drasticamente le emissioni.

Condividi