IEF: “la transizione verso i veicoli elettrici irraggiungibile se non aumentiamo le miniere di rame”

"Con le politiche attuali per l'estrazione del rame, è altamente improbabile che ci saranno abbastanza nuove miniere per ottenere veicoli elettrici al 100% entro il 2035"
MeteoWeb

L’ambizione di adottare il 100% dei veicoli elettrici entro il 2035 si scontra con una realtà imponente: l’approvvigionamento di rame, minerale fondamentale per la costruzione di batterie, risulta essere un ostacolo cruciale. Secondo Joseph McMonigle, Segretario generale del Forum internazionale sull’energia (IEF), l’attuale andamento dell’estrazione del rame rende alquanto improbabile il raggiungimento di tali obiettivi senza una drastica accelerazione nella produzione mineraria.

Veicoli elettrici e rame

Il rame, cuore pulsante dell’elettrificazione globale, è indispensabile per soddisfare le crescenti esigenze di veicoli elettrici. Tuttavia, l’attuale quadro delle politiche di estrazione risulta inadeguato per far fronte alla domanda sempre crescente di questo minerale prezioso. Il nuovo rapporto pubblicato dall’IEF mette in luce la sfida che si presenta di fronte alla corsa verso la decarbonizzazione.

Con le politiche attuali per l’estrazione del rame, è altamente improbabile che ci saranno abbastanza nuove miniere per ottenere veicoli elettrici al 100% entro il 2035, solo il primo piccolo passo verso la decarbonizzazione. Quindi dobbiamo gestire questa transizione“, afferma McMonigle.

Per sfruttare appieno le limitate risorse di rame disponibili, è fondamentale che i governi pongano l’elettrificazione al centro della politica climatica ed incentivino nuovi progetti minerari. Senza un approccio proattivo a livello globale, l’adozione completa dei veicoli elettrici rimane un obiettivo difficile da raggiungere.

Estrazione di rame senza precedenti

Il rapporto “Copper Mining and Vehicle Electrification”, redatto da Lawrence M. Cathles e Adam C. Simon, esperti del settore, mette in luce la crescente richiesta di rame per la produzione di veicoli elettrici e il conseguente impatto sull’industria mineraria. Per soddisfare la domanda prevista, sarà necessario estrarre quantità di rame senza precedenti, con una proiezione che indica un aumento del 115% nell’estrazione entro il 2050 rispetto ai livelli storici.

Tuttavia, il rapporto sottolinea anche le sfide che l’industria mineraria deve affrontare, tra cui l’accesso limitato ai siti di estrazione, bassi tassi di scoperta e ritardi nell’approvazione dei permessi minerari. L’industria dovrà esplorare nuove frontiere, anche sfruttando miniere sotterranee più profonde e tecniche di estrazione innovative.

Inoltre, l’aumento della domanda di rame potrebbe comportare un aumento significativo dei prezzi, con possibili ripercussioni sullo sviluppo delle regioni meno sviluppate. Tuttavia, il rapporto sottolinea che l’elettrificazione rimane uno dei modi più efficaci per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e ridurre le emissioni nocive nell’atmosfera.

Mentre l’industria mineraria affronta sfide e opportunità senza precedenti, è chiaro che la transizione verso un futuro elettrificato richiederà un impegno globale e un’azione concertata per garantire un approvvigionamento sostenibile di rame e la realizzazione di obiettivi ambiziosi di decarbonizzazione.

Condividi