L’uragano Irma declassato alla 1ª categoria, ma fa ancora paura [GALLERY]

  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/
MeteoWeb

L’uragano Irma è stato declassato alla 1ª categoria e si avvia a diventare una tempesta tropicale che si dirige sulla Georgia dopo aver attraversato la Florida. I venti soffiano a circa 140 km/h, e l’occhio del ciclone si trova a circa 40 chilometri a nord di Tampa, area fragilissima in quanto le case sono costruite in zone base sul livello del mare ed esposte alle inondazioni.

Il National Hurricane Center prevede un ulteriore declassamento a tempesta tropicale entro stasera, quando la colossale perturbazione si sarà spostata sul nord della Florida e sulla Georgia. Le coste della Florida restano però per le prossime 36 ore a rischio di inondazioni con possibili esiti mortali, ha avvertito l’NHC, che prevede che le alluvioni saranno accompagnate da onde distruttive.