Previsioni Meteo: basta caldo, ecco la svolta stagionale. L’estate cambia marcia, fresco e maltempo all’orizzonte!

    /
    MeteoWeb

    Quella di domenica 15 luglio non è stata solo la giornata più calda di quest’estate, con picchi di +45°C in Sicilia, +42°C in Calabria e +41°C in Puglia e Basilicata. E’ stato anche l’ultimo giorno di caldo di una prima parte d’estate decisamente anomala nel nostro Paese, pur senza record o picchi eccezionali ma con un caldo intenso e continuo che ha già stancato un pò tutti nonostante siamo solo a metà stagione e nonostante i rigori di freddo, neve e maltempo dei mesi precedenti, e non solo dell’inverno ma anche della primavera con tutte le piogge che tra aprile e maggio hanno colpito in continuazione il centro/nord.
    Proprio il maltempo sembra voler tornare protagonista assoluto del clima Italiano, anche adesso che è estate: la stagione, infatti, sembra vada incontro a un’autentica svolta. Non dovremo più parlare di anticiclone SubTropicale e di ondate di calore, almeno per un paio di settimane, almeno fino a fine mese ma probabilmente anche dopo, ad agosto, stando alle più accreditate previsioni stagionali.
    Innanzitutto già in queste ore le temperature stanno crollando, e il Paese inizia a essere sferzato da forti venti di maestrale che nella giornata di lunedì 16 assumeranno, in alcune aree, carattere di impetuosità provocando tempeste e mareggiate, come ha ben spiegato la protezione civile nel suo ultimo avviso meteorologico. Anche le previsioni meteo dell’aeronautica militare sono eloquenti in tal senso.
    Il maestrale determinerà un netto calo termico in tutto il Paese, e in settimana avremo temperature fresche e piacevoli, inferiori rispetto alle medie del periodo di 3/4°C, pur con clima prevalentemente stabile e soleggiato. Tra la seconda metà della settimana e il weekend, la colonnina di mercurio si impennerà nuovamente ma non farà molto caldo. Le temperature saliranno appena sopra le medie del periodo di 1/2°C o, in alcune aree, rimarranno in linea con le medie stagionali. Saranno, insomma, normalissimi giorni estivi senza alcun eccessi di calore.
    L’evoluzione più interessante, però, è quella che si prospetta per la terza decade del mese, per l’inizio della prossima settimana: tra 22 e 25 luglio, infatti, potremmo avere un’ondata di freddo e maltempo proveniente da nord/est che porterebbe piogge, temporali e molto fresco nel cuore della stagione estiva, con possibili fenomeni estremi considerando le temperature dei mari, elevatissime per il periodo soprattutto nell’Adriatico (ma anche nel basso Tirreno, nello Jonio e nel Canale di Sicilia), che potrebbero determinare forti contrasti termici.
    Sta per iniziare, insomma, una fase molto più vivace e dinamica dell’estate 2012. E potrebbe durare a lungo, com’è anche tipico di tutte le estati dominate dagli scambi meridiani in cui le risalite SubTropicali si alternano a sbuffi freddi e perturbati provenienti dai quadranti settentrionali. L’Anticiclone delle Azzorre, infatti, è molto più “dolce” rispetto a quello Nord Africano. Ma quando decide di dominare l’estate Mediterranea, si impadronisce dell’Europa meridionale per 3 mesi abbondanti senza mai mollare la presa. L’anticiclone SubTropicale, invece, difficilmente dura più di 7-9 giorni. E così sta accadendo anche quest’anno…