Papilloma virus e tumore alla gola: in aumento i casi di patologie correlate

MeteoWeb

I tumori alla gola sono sempre più spesso collegati a un’infezione da Papilloma virus. Lo rivela uno studio epidemiologico di un team di ricerca del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università degli Studi di Padova svolto in collaborazione con il Registro tumori italiani, pubblicato sulla rivista americana “Plos One”.

La ricerca ha analizzato per la prima volta i dati sull’andamento epidemiologico di tumori potenzialmente legati a infezione da HPV in Italia: secondo i dati pubblicati suggeriscono come l’infezione orale di quel virus sia sempre più spesso responsabile del tumore alla gola che colpisce entrambi i sessi.

Tale tumore da infezione HPV delle tonsille colpisce maggiormente soggetti più giovani, di solito insorge in media 5 anni prima rispetto ai tumori da esposizione a fumo/alcol. Per contro, ed è un dato confortante, un tumore della tonsilla dovuto esclusivamente a HPV ha un tasso di guarigione molto più alto rispetto a uno con identica collocazione ma dovuto a fumo/alcool perché il soggetto risponde meglio alla terapia. A 3 anni dal trattamento la sopravvivenza è di circa il 45% nei pazienti con tumore legato al fumo/alcol, mentre sale all’85% nei pazienti con tumore dovuto ad HPV.

La ricerca è stata effettuata in un arco di tempo di 25 anni, nel periodo compreso tra il 1988 e il 2012, indagando una popolazione di 8 milioni di abitanti: ha censito 28.295 soggetti colpiti da carcinoma della bocca/gola. Secondo i dati, il numero di nuovi casi di tumori nel distretto bocca/gola originati da fumo/alcool nei maschi, è diminuito drasticamente: questo perché negli ultimi anni si è notevolmente ridotto il numero di forti fumatori e bevitori.

Nelle donne i tumori delle tonsille, causati sia da fumo/alcol che da infezione da HPV, sono raddoppiati, mentre per il campione maschile il numero di nuovi casi si è mantenuto invariato anche se sono aumentati i casi di tumore localizzati in sedi non correlate con l’infezione da HPV. In sostanza nei maschi la diminuzione delle forme di carcinoma dovute a fumo/ alcool è stata compensata da un aumento delle forme dovute a HPV mantenendo così stazionario il numero totale di nuovi casi.