Virus cinese, OMS: “preoccupazione” per i casi di contagio senza sintomi

"Preoccupazione" per gli studi che riportano la possibilità di portatori di coronavirus cinese senza sintomi, che potrebbero infettare altre persone

MeteoWeb

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha espresso “preoccupazione” per gli studi che riportano la possibilità di portatori di coronavirus cinese senza sintomi e che potrebbero infettare altre persone. “La materia è preoccupante e la stiamo analizzando“, ha dichiarato il portavoce OMS Christian Lindmeier, in conferenza stampa a Ginevra.
Ricevere pacchi dalla Cina, ha assicurato Lindmeier, “non comporta alcun problema per il contagio“: il virus “non ha una vita lunga, ma può stare su una superficie. Se io tossisco sulla mano e passo un telefono, per esempio, ci può essere contagio, ma il tempo di sopravvivenza del virus è molto, molto ridotto e forse dopo mezzora non può più contaminare persone“. “Sappiamo che riceviamo pacchi dalla Cina e questo non comporta problema per il contagio“, ha precisato il portavoce OMS.

Tra i 37 casi di coronavirus 2019-nCosv registrati fuori dalla Cina, 3 sono stati rilevati senza la comparsa di sintomi, mentre dei 34 restanti pazienti, si ha il dato sui sintomi per 28: lo ha segnalato l’OMS, nel suo ultimo aggiornamento. Attualmente il periodo stimato di incubazione del Virus varia tra i 2 e 10 giorni, anche se è possibile che venga rivisto.