Coronavirus, il decalogo dell’OMS per evitare il contagio: “ci sono 10 regole a cui attenersi”

Emergenza Coronavirus, i consigli dell'OMS per prevenire la malattia

Ci sono dieci regole a cui attenersi” per tentare di arginare la diffusione del Coronavirus. Le ha elencate il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante il briefing odierno sul Covid-19. “In primo luogo, come continuiamo a dire, lavatevi regolarmente le mani con soluzioni a base di alcol o acqua e sapone. Toccare il viso dopo aver toccato superfici contaminate o persone malate è uno dei modi in cui il virus può essere trasmesso. Pulendo le mani, è possibile ridurre il rischio. In secondo luogo, pulire regolarmente le superfici con un disinfettante, ad esempio banchi da cucina e scrivanie. Terzo, essere informati su Covid-19, assicurandosi che le informazioni provengano da fonti affidabili. Tutti dovrebbero conoscere i sintomi: per la maggior parte delle persone, inizia con la febbre e una tosse secca, non un naso che cola. La maggior parte delle persone ha una malattia lieve e migliora senza bisogno di cure particolari”.

“In quarto luogo – ha aggiunto Ghebreyesusevitare di viaggiare se si ha la febbre o la tosse e se ci si ammala durante un volo, informare immediatamente l’equipaggio. Una volta arrivati a casa, contattare un medico e informarlo su dove si è stati. In quinto luogo, se tossisci o starnutisci, fallo nella manica o usa un fazzoletto. Poi si deve smaltire immediatamente il tessuto in un bidone della spazzatura chiuso, quindi lavarsi le mani. In sesto luogo, se si hanno più di 60 anni o una condizione di base come una malattia cardiovascolare, una condizione respiratoria o il diabete, si ha un rischio maggiore di sviluppare una malattia grave. Occorre evitare il più possibile i luoghi affollati. Settimo, per tutti, se non ci si sente bene, si deve restare a casa e chiamare il medico. Lui o lei farà alcune domande sui sintomi, su dove si è stati e con chi si sono avuti contatti. Ciò contribuirà a garantire che si ricevano i consigli giusti. Ottavo, se sei malato, resta a casa e mangia e dormi separatamente dalla tua famiglia, usa diversi utensili e posate per mangiare. Nono, se soffri di respiro corto, chiama il medico e cerca immediatamente assistenza“. Infine, decimo, conclude il direttore generale dell’Oms: “È normale e comprensibile sentirsi ansiosi, soprattutto se si vive in un Paese o in una comunità colpiti. Scopri cosa puoi fare nella tua comunità. E discuti su come stare al sicuro con il posto di lavoro, la scuola o il luogo di culto“.

Coronavirus, bilancio sempre più grave in Italia: 21 morti, 888 contagiati, 46 guariti [DATI]

Coronavirus, situazione drammatica in Lombardia: 85 in terapia intensiva. “Ospedali in grave crisi, misure prorogate per altri 7 giorni. Obiettivo salvare Milano”

Coronavirus, notizie catastrofiche dall’Iran: “210 morti, migliaia di contagi, epidemia fuori controllo”

Coronavirus, il virologo Fausto Baldanti: “è la prima volta che si verifica un’epidemia di queste dimensioni nel mondo”

Coronavirus, Oms alza livello di allarme mondiale: “focolaio Italia sta aggravando epidemia”. Task force per il vaccino: “giorni emozionanti per la scienza”

Il Coronavirus affonda le Borse di tutto il mondo, l’Europa brucia 320 miliardi: tonfo storico, peggior settimana dal 2008

La vera storia del cane positivo al Coronavirus a Hong Kong smaschera gli ignoranti con l’ossessione di bufale e fake news