Coronavirus, tutti contro l’Italia: “Vieti a suoi cittadini di viaggiare in Europa”. La Slovacchia invita ad evitare i viaggi nel nostro Paese

Molti stati hanno cancellato i voli verso l’Italia e ora dalla Repubblica Ceca arriva un’altra dura dichiarazione: "L'Italia dovrebbe vietare a tutti i suoi cittadini di viaggiare in Europa"

MeteoWeb

Il coronavirus è una grande emergenza in Italia ma anche per il resto del mondo, con i contagi che continuano a diffondersi. Il nostro Paese ora è il secondo al mondo per numero di contagi, dietro solo alla Cina, dove ora l’incubo sta finendo e gli ospedali iniziano a chiudere. Il Parlamento europeo oggi ha aggiornato le sue prescrizioni per limitare la diffusione interna del Coronavirus, inserendo la provincia dell’Alto Adige in Italia e il dipartimento dell’Alto Reno in Francia tra le localita’ rispetto alle quali limitare l’accesso di staff, giornalisti e visitatori. Per l’Italia l’elenco completo delle “zone a rischio” del Parlamento europeo include la Lombardia, il Piemonte, l’Emilia Romagna, il Veneto, le province di Savona, di Pesaro-Urbino e dell’Alto Adige, secondo una nota interna di cui l’AGI ha preso visione. I funzionari e gli assistenti che negli ultimi 14 giorni sono stati in queste localita’ devono restare a casa e effettuare telelavoro, anche se si sono recati fisicamente al Parlamento europeo nel corso dell’ultima settimana. I visitatori esterni e i giornalisti che sono stati in queste zone non possono entrare al Parlamento europeo. Ai deputati, invece, anche se provengono dalle zone a rischio, e’ semplicemente consigliato di non prendere parte ai lavori e restare a casa, senza alcun obbligo. Secondo la nota interna, l’amministrazione del Parlamento europeo ha anche introdotto un dispositivo per proteggere i membri dello staff “piu’ vulnerabili”. Il Segretario generale ha autorizzato “le persone con malattie conosciute pre-esistente a restare a casa e a fare richiesta di telelavoro”.

Molti stati hanno cancellato i voli verso l’Italia e ora dalla Repubblica Ceca arriva un’altra dura dichiarazione. Il premier ceco Andrej Babis in un’intervista alla televisione ceca, ha dichiarato che l’Italia dovrebbe vietare ai suoi cittadini di viaggiare in Europa in modo da ridurre la diffusione del coronavirus. “L’Italia dovrebbe vietare a tutti i suoi cittadini di viaggiare in Europa – ha detto Babis – perché noi non possiamo ordinare una cosa del genere nell’ambito di Schengen”. La Repubblica Ceca ha riportato, stando ai dati di ieri sera, 26 casi di contagio.

Il ministero degli Esteri slovacco, invece, ha dato indicazioni ai suoi cittadini di evitare viaggi in Italia, a causa della diffusione del coronavirus. “In connessione con il decreto del governo italiano sulla chiusura delle aree nel Nord Italia, a causa della diffusione di casi di coronavirus, il ministero degli Esteri raccomanda ai cittadini di non recarsi in visita in Italia”, si legge nel comunicato. La diplomazia slovacca avvisa anche della presenza di casi in Vaticano e a San Marino.