Coronavirus, nuova stretta in Vaticano: “Evitare personale esterno, è preferibile non assumere”

L'emergenza coronavirus ha portato la Segreteria di Stato del Vaticano ad effettuare una ulteriore stretta sulle norme

MeteoWeb

L’emergenza coronavirus ha portato la Segreteria di Stato del Vaticano ad effettuare una ulteriore stretta sulle norme. In particolare, in una nota a firma del sostituto Edgar Pena Parra, si chiede di “evitare il ricorso a prestazioni di lavoro straordinario, di volontariato e di personale esternalizzato, salvo i casi in vui occorra garantire i servizi essenziali”.

Si chiede inoltre di “sospendere le procedure di assunzione di nuovo personale, salvo i casi in cui sussistano necessità inderogabili”. Nelle linee guida si chiede inoltre di fare usufruire ed accordare ai lavoratori i giorni di ferie residue entro il 31 marzo. Di concedere “ove possibile permessi di recupero delle ore lavorate in eccedenza; di favorire la flessibilità oraria e la turnazione che consentano a tutti i genitori una maggiore presenza in famiglia”.

Laddove è possibile si chiede di “delocalizzare” il lavoro . Richiesta poi l’estensione per i dipendenti che hanno figli fino a 14 anni la concessione di permessi parentali in occasione della temporanea chiusura delle scuole. “Considerato il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia – scrive Pena Parra – si confida nel senso di responsabilità di ciascuno nell’adozione di tutte le misure a tutela della salute propria e di quella di tutta la comunità”.