Coronavirus, OMS: “La pandemia è controllabile, ai Paesi chiediamo una strategia su 4 fronti”

Coronavirus, OMS: "Per salvare vite umane dobbiamo ridurre la trasmissione. Ciò significa trovare e isolare il maggior numero possibile di casi"

La pandemia è controllabile” se si mettono in campo misure per contrastarla, ma “siamo profondamente preoccupati che alcuni Paesi non si stiano approcciando a questa minaccia con il livello di impegno necessario“. “Chiediamo di adottare una strategia su quattro fronti“: lo ha dichiarato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante il mission briefing sul Coronavirus di oggi. “Prima di tutto, preparatevi, siate pronti. Vi sono ancora 77 paesi e territori senza casi segnalati e 55 che hanno riportato meno di 10 casi. E tutti i Paesi con casi hanno aree non interessate. Avete l’opportunità di mantenere così la situazione, dunque occorre preparare il personale e le strutture sanitarie. In secondo luogo, rilevare, prevenire e curare. Non si può combattere un virus se non sai dove si trova, ciò significa una solida sorveglianza per trovare, isolare, testare e trattare ogni caso, per spezzare le catene della trasmissione. Terzo, ridurre e sopprimere. Per salvare vite umane dobbiamo ridurre la trasmissione. Ciò significa trovare e isolare il maggior numero possibile di casi e mettere in quarantena i loro contatti più stretti. Anche se non è possibile interrompere la trasmissione, è possibile rallentarla e proteggere strutture sanitarie, case per anziani e altre aree vitali, ma questo può avvenire solo se si verificano tutti i casi sospetti“.
“E in quarto luogo, innovare e migliorare. Questo è un nuovo virus e una nuova situazione. Stiamo tutti imparando e tutti dobbiamo trovare nuovi modi per prevenire le infezioni, salvare vite umane e ridurre al minimo l’impatto. Tutti i paesi hanno lezioni da condividere. L’Oms lavora giorno e notte per supportare tutti i paesi. Abbiamo spedito forniture di dispositivi di protezione individuale in 57 paesi, ci stiamo preparando a spedirli in altri 28 e abbiamo inviato forniture di laboratorio in 120 paesi“. “Abbiamo pubblicato una tabella di marcia per la ricerca e lo sviluppo, con una serie di protocolli fondamentali su come dovrebbero essere condotti gli studi. Abbiamo pubblicato un pacchetto completo di indicazioni tecniche. Abbiamo avuto più di 176.000 iscrizioni ai nostri corsi di formazione Covid su OpenWHO. Stiamo collaborando con il World Economic Forum e le Camere di commercio internazionali per coinvolgere il settore privato. Stiamo anche lavorando con la Fifa. Stiamo collaborando con i nostri colleghi del sistema delle Nazioni Unite per supportare i paesi nello sviluppo dei loro piani di preparazione e risposta“.