Coronavirus: rivolta nel carcere di Pavia, sequestrati due agenti

Rivolta per protestare contro le misure anti coronavirus dei detenuti, che hanno preso in ostaggio due agenti di polizia penitenziaria

Rivolta per protestare contro le misure anti coronavirus dei detenuti, che hanno preso in ostaggio due agenti di polizia penitenziaria, nella casa circondariale di Pavia Torre del Gallo. I detenuti hanno rubato le chiavi delle celle agli agenti e hanno liberato decine carcerati. Lo si apprende dai sindacati Uilpa e Sappe, che parlano di “devastazione” con i detenuti che si stanno picchiando tra di loro. Sarebbero in arrivo da San Vittore e Opera, secondo le stesse fonti, agenti di rinforzo.

Rivolta e caos nel carcere di Poggioreale per via del Coronavirus: detenuti sui muri, familiari in strada [VIDEO]

Dalle prime notizie che arrivano dal carcere di Pavia, dove e’ in corso una rivolta dei detenuti, i due agenti di polizia penitenziaria che sarebbero stati presi in ostaggio sarebbero anche stati picchiati violentemente. La rivolta e’ iniziata verso le 19.30-20 ed e’ nata, come a Modena, per il divieto delle visite dei parenti a causa delle norme di contenimento del coronavirus. E’ stato riferito che i detenuti starebbero cavalcando quest’onda per ottenere misure alternative speciali. Dal carcere di San Vittore e Opera sono stati mandati agenti di rinforzo per sedare la sommossa dei circa 400 detenuti.