Coronavirus, due nuovi servizi del Tg Leonardo rafforzano la tesi del virus da laboratorio: “Pochi mesi fa una simulazione di pandemia” [VIDEO]

Emergono adesso due nuovi video del Tgr Leonardo pubblicati nel 2020 che fanno discutere: evidenziano come il nuovo coronavirus potrebbe essere stato generato in laboratorio

MeteoWeb

Continuano le polemiche in merito ai servizi di Tgr Leonardo sul nuovo coronavirus che nei giorni scorsi sono stati al centro della bufera. Dei video relativi al 2015 avevano infatti generato tutta una serie di discussioni tra scienziati e politici, come avevamo raccontato in questo articolo:

Coronavirus, il servizio del Tgr Leonardo nel 2015: “supervirus polmonare creato dai cinesi in laboratorio” [VIDEO]

Adesso, a distanza di pochi giorni, emergono due nuovi servizi del Tgr Leonardo pubblicati nel 2020 che fanno ulteriormente discutere.

Il primo, andato in onda il 20/03/2020, evidenzia una simulazione di pandemia originata proprio da un Coronavirus e responsabile, nei casi più gravi, di pesanti insufficienze respiratorie. La simulazione è avvenuta il 18 Ottobre 2019. Gli esperti si giustificano dicendo che la simulazione “ha confermato che il mondo non è pronto ad affrontare una pandemia”, evidenziando che sarebbero serviti farmaci, prevenzione, e tante altre norme protettive.

“Eppure si sapeva che una pandemia ci avrebbe colti impreparati”: la simulazione pre-Coronavirus [VIDEO]

Non solo, c’è un secondo video che mostra un servizio andato in onda il 17/02/2020 dove lo stesso Tgr Leonardo spiega come “quella ritenuta una teoria fantascientifica, sarebbe sempre più attendibile”: il nuovo coronavirus è stato ottenuto in laboratorio. A sostegno dell’ipotesi viene citato un rapporto di due biologi della South Cina University nel quale emerge come accanto al mercato del pesce c’è un laboratorio di Wuhan. Gli esperti spiegano che nel suddetto si sono tenuti esperimenti sui pipistrelli e che un ricercatore ha persino avuto un contatto con sangue e urina dell’animale, si parla anche di una zecca viva trovata sui pipistrelli che avrebbe potuto diffondere l’infezione.

Coronavirus e il laboratorio di Wuhan: il nuovo servizio del Tg Leonardo del 17 Febbraio 2020 [VIDEO]

Sulla questione la scienza si è espressa senza mezzi termini, attraverso le parole di virologi molto noti come Fabrizio Pregliasco, che ha spiegato che “ormai sono numerosi gli studi che hanno esaminato le caratteristiche genetiche del nuovo coronavirus, e tutti concordano: Sars-Cov-2 ha avuto un’origine naturale, ed è passato all’uomo dai pipistrelli”, sottolinea il virologo. “Capisco che, visto oggi con i nostri occhi, quel servizio impressioni. Ma lo ribadisco: questo coronavirus ha avuto un’origine naturale”.

A chiarire la posizione della scienza anche Roberto Burioni, medico di fama internazionale, il quale evidenzia che “L’ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio. Tranquilli, è naturale al 100%, purtroppo” e che lo scorso 17 marzo su Nature Medicine è uscito un numero “nel quale c’è scritto che le analisi eseguite mostrano chiaramente che il virus non è costruito in laboratorio. Basta con le fake“.