Coronavirus, The Lancet: “La gestione dell’emergenza in Gran Bretagna è uno scandalo nazionale”

Il Servizio sanitario nazionale britannico è "totalmente impreparato" ma avrebbe potuto evitare "caos e panico" nell'ambito dell'epidemia da Coronavirus

Il Servizio sanitario nazionale britannico è “totalmente impreparato” ma avrebbe potuto evitare “caos e panico” nell’ambito dell’epidemia da Coronavirus perché ha ricevuto diversi avvertimenti rimasti inascoltati. A dirlo il direttore di The Lancet, una delle più importanti pubblicazioni di medicina, Richard Horton.

“I piani dovevano essere pronti per essere messi in campo con un avvertimento rapido, la catena di approvvigionamento di farmaci, le attrezzature di protezione, le forniture agli ospedali e le risorse umane necessarie per contrastare le conseguenze di un’epidemia globale di questa magnitudo“, scrive.

Il dottor Horton aggiunge, senza mezzi termini, che il piano del governo Contain-Delay-Mitigate-Research ha “fallito, in parte, perché i ministri non hanno seguito gli avvertimenti dell’Oms di ‘testare, testare, testare’ ogni caso sospetto. Non hanno isolato e non hanno messo in quarantena. Non hanno registrato le tracce. I principi di base della sanità pubblica e del controllo delle malattie infettive sono stati ignorati per ragioni che restano opache“.