Coronavirus, bilancio Italia sale a 201.505 casi e 27.359 morti. Paese spaccato in due, al Sud solo il 4% dei nuovi positivi

Coronavirus, i dati aggiornati alle ore 17 di oggi, Martedì 28 Aprile: tutti i dettagli forniti dalla protezione civile

MeteoWeb

I dati sull’epidemia di Coronavirus in Italia continuano ad essere incoraggianti: nelle ultime 24 ore ci sono stati 382 morti, 2.317 guariti e 2.091 nuovi casi su 57.272 tamponi. Appena il 3,6% dei test è risultato positivo. Dei nuovi casi, ben 1.732 (pari all’83% del totale) si è riscontrato nelle 5 Regioni più colpite del Nord: 869 in Lombardia, 352 in Piemonte, 252 in Emilia Romagna, 130 in Liguria, 129 in Veneto. Pochissimi casi invece al Sud: secondo giorno consecutivo con “0 positivi” in Basilicata, appena 1 nuovo caso in Calabria e in Molise, 2 in Sardegna, 22 in Puglia, 31 in Campania e 35 in Sicilia. Oggi nelle Regioni del Sud abbiamo avuto appena il 4% dei casi del totale.

Il bilancio complessivo dell’Italia è adesso di:

  • 201.505 contagiati
  • 27.359 morti
  • 68.941 guariti

Le persone attualmente ammalate, sono 105.205. Questi pazienti sono così suddivisi:

  • 19.723 ricoverate in ospedale (19%)
  • 1.863 ricoverate in terapia intensiva (2%)
  • 83.619 in isolamento domiciliare (79%)

Anche oggi è diminuito il numero delle persone ricoverate: nei reparti di terapia intensiva abbiamo 93 pazienti in meno rispetto a ieri, e negli altri reparti 630 in meno, per un totale di 723 ricoveri in meno.

Eloquente il grafico con l’andamento del dato dei nuovi contagi giornalieri in Italia dal 26 Febbraio:

La tabella con tutti i dettagli Regione per Regione:

Ecco i dati e dei nuovi contagiati giornalieri dall’11 Marzo, con la differenza rispetto al giorno precedente:

  • Mercoledì 11 Marzo: 2.313 +1.336
  • Giovedì 12 Marzo: 2.650   +337
  • Venerdì 13 Marzo: 2.548 -102
  • Sabato 14 Marzo: 3.497   +949 
  • Domenica 15 Marzo: 3.590 +93
  • Lunedì 16 Marzo: 3.233  -357
  • Martedì 17 Marzo: 3.526 +293
  • Mercoledì 18 Marzo: 4.207 +681
  • Giovedì 19 Marzo: 5.322 +1.115
  • Venerdì 20 Marzo: 5.986    +664
  • Sabato 21 Marzo: 6.553 +567
  • Domenica 22 Marzo: 5.560 -993
  • Lunedì 23 Marzo: 4.789  -771
  • Martedì 24 Marzo: 5.249  +460
  • Mercoledì 25 Marzo: 5.210 -39
  • Giovedì 26 Marzo: 6.153  +943
  • Venerdì 27 Marzo: 5.959 -194
  • Sabato 28 Marzo: 5.974 +15
  • Domenica 29 Marzo: 5.253 -721
  • Lunedì 30 Marzo: 4.050 -1.203
  • Martedì 31 Marzo: 4.053 +3
  • Mercoledì 1 Aprile: 4.782 +729
  • Giovedì 2 Aprile: 4.668 – 114
  • Venerdì 3 Aprile: 4.585 – 83
  • Sabato 4 Aprile: 4.805 +220
  • Domenica 5 Aprile: 4.316 -489
  • Lunedì 6 Aprile: 3.599 -717
  • Martedì 7 Aprile: 3.039 -560
  • Mercoledì 8 Aprile: 3.836  +797
  • Giovedì 9 Aprile: 4.204 +368
  • Venerdì 10 Aprile: 3.951 -253
  • Sabato 11 Aprile: 4.694   +743
  • Domenica 12 Aprile: 4.092 -602
  • Lunedì 13 Aprile: 3.153 -939
  • Martedì 14 Aprile: 2.972 -181
  • Mercoledì 15 Aprile: 2.667 -305
  • Giovedì 16 Aprile: 3.786 +1.119
  • Venerdì 17 Aprile: 3.493 -293
  • Sabato 18 Aprile: 3.491 -2
  • Domenica 19 Aprile: 3.047 -444 
  • Lunedì 20 Aprile: 2.256 -791
  • Martedì 21 Aprile: 2.729 +473
  • Mercoledì 22 Aprile: 3.370 +641
  • Giovedì 23 Aprile: 2.646 -724
  • Venerdì 24 Aprile: 3.021 +375
  • Sabato 25 Aprile: 2.357 -664
  • Domenica 26 Aprile: 2.324 -33
  • Lunedì 27 Aprile: 1.739 -585
  • Martedì 28 Aprile: 2.091 +352

La grande ondata di gelo del febbraio 1956 ha fatto più morti dell’epidemia di Asiatica del 1957 in Italia [DATI e GRAFICI]