Coronavirus, gli aggiornamenti dal mondo: l’America piange più di 11.000 vittime, la pandemia dilaga in Francia e Regno Unito

La pandemia di coronavirus dilaga in tutto il mondo: gli ultimi aggiornamenti

MeteoWeb

La pandemia di coronavirus dilaga in tutto il mondo.

Nel Regno Unito il ministero della Sanita’ britannico ha corretto al ribasso il calcolo del Guardian indicando un incremento giornaliero di 854 morti nell’intero Regno, fino a un totale esatto di 6.159. Mentre ha limitato il numero complessivo dei contagi a 55.242, con una curva di crescita stabilizzata attorno a circa 4000 al giorno. Secondo i dati del ‘The Guardian’ sono 854 le vittime per il coronavirus nelle ultime 24 ore: 758 provenienti dall’Inghilterra, 74 dalla Scozia, 19 dal Galles e 3 dall’Irlanda del Nord. Ieri i morti erano stati 439.

Negli Usa superata la soglia degli 11.000 decessi per il nuovo coronavirus. Stando all’aggiornamento della Johns Hopkins University. Gli 11.008 pazienti morti finora sono fra i 368.449 casi registrati negli States dall’inizio dell’epidemia.  Almeno mezzo milione di newyorchesi e’ gia’ senza lavoro o sta per perderlo. E’ il grido di dolore del sindaco Bill de Blasio, che nella quotidiana conferenza stampa ha fatto il punto sull’impatto che la pandemia sta avendo sulla popolazione della Grande Mela. “Le proiezioni iniziali – ha spiegato – parlano di un impatto durissimo sull’occupazione e di un enorme disagio economico. L’unico paragone che puo’ essere fatto e’ con la Grande Depressione”.

Record di morti in un giorno nello Stato di New York: ben 731, ha reso noto il governatore Andrew Cuomo. Il bilancio delle vittime e’ infatti salito a 5.498 dalle 4.758 delle 24 ore precedenti. I casi di contagio sono saliti a 138.836. Dal 2 al 6 aprile, secondo i dati mostrati da Cuomo, a New York le vittime del coronavirus sono state complessivamente 3.116. La situazione e’ resa ancor piu’ preoccupante e il bilancio piu’ pesante dal fatto che nel vicino New Jersey i casi di pazienti positivi sono schizzati a oltre 41.000 con oltre mille morti.germania

In Giappone nel giorno in cui il primo ministro Shinzo Abe ha proclamato lo stato d’emergenza a Tokyo, Osaka e in cinque prefetture, il Giappone registra un aumento dei casi accertati di contagio da COVID-19 di 347 persone. In tutto sono 4.445 i contagi individuati, a cui però andrebbero aggiunti anche altri 712 verificatisi nella nave da crociera Diamond Princess, che è stata a lungo nel porto di Yokohama. Oggi è stato annunciato anche un decesso, che porta a 98 i morti in Giappone per COVID-19, a cui andrebbero aggiunti altri 11 collegati alla Diamond Princess, il che porterebbe il bilancio a 109 morti.

Il contagi di coronavirus in Germania hanno superato quota 100mila, e sono 101.700, ha calcolato l’agenzia di stampa tedesca “Dpa” aggregando i dati dei diversi land. I decessi sono 1.747. Gli stati più colpiti sono la Baviera, il Nord Reno Wesfalia e il Baden Wuettemberg. (Secondo i dati della Johns Hopkins University invece, in Germania i casi confermati di Covid-19 sono 103.717 e i decessi sono 1.822).

Sono 607 i decessi per Coronavirus in Francia nelle ultime 24 ore, per un totale di 7.091 negli ospedali. Aggiungendo gli oltre 3.000 morti del censimento effettuato negli ospizi, la Francia ha superato le 10.000 vittime e fa segnare questa sera un totale di 10.328 decessi.

Il direttore generale della Sanita’, Jerome Salomon, ha annunciato che la Francia ha toccato il numero di 30.000 ricoverati per Coronavirus negli ospedali, mentre 19.337 ne sono stati dimessi guariti. Negli ospedali i morti sono stati 7.091, dai dati che affluiscono dalle case di riposo le vittime sono 3.237. Salomon ha ribadito che nella maggior parte degli ospizi non ci sono stati casi e che il metodo utilizzato per il censimento dei casi nelle case di riposo e’ quello di considerare tutti i decessi di marzo provocati da Covid-19 dopo due soli tamponi positivi di vittime. I pazienti in rianimazione sono oggi 7.131, con 518 nuovi ingressi, ma un saldo di letti occupati in piu’ di sole 59 unita’ se si considerano i pazienti che hanno lasciato il reparto. I 518 nuovi ingressi fanno segnare un’inversione di tendenza negativa rispetto alla diminuzione osservata negli ultimi giorni.

Il numero totale in Canada di casi confermati di coronavirus (Covid-19) è salito a 17.063, mentre il bilancio delle vittime è aumentato a 345. Lo ha annunciato ai giornalisti il responsabile della Sanità pubblica, Theresa Tam. “Inizierò con un aggiornamento sul numero di casi Covid-19 in Canada. Ora ci sono 17.063 casi, tra i quali 345 deceduti”, ha detto Tam. Il responsabile ha osservato che oltre 346mila canadesi sono stati sottoposti a test per il nuovo coronavirus.

Ha ribadito che i nuovi focolai negli ospedali e nelle strutture sanitarie a lungo termine destano grande preoccupazione per le autorità sanitarie federali. La provincia canadese del Quebec è in testa al Paese con 8.580 casi, quasi il doppio rispetto alla provincia più vicina dell’Ontario. I funzionari hanno attribuito il picco all’aumento della capacità di effettuare tamponi del Quebec. L’Ontario, nel frattempo, ha registrato il maggior numero di decessi a causa del nuovo coronavirus, 153.

In Romania sono stati accertati altri 360 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore e il numero totale dei contagi è salito a 4.417, mentre il bilancio complessivo delle vittime arriva a 182. Lo ha annunciato l’emittente Digi 24 tv, che cita il Gruppo strategico di comunicazioni incaricato di gestire l’epidemia nel Paese. I dati precedenti indicavano che 4.057 persone avevano contratto il virus, 157 delle quali erano decedute. L’emittente ha inoltre segnalato che 460 pazienti si sono pienamente ripresi e sono stati dimessi dagli ospedali.

Secondo il primo ministro Ludovic Orban, il governo ha deciso di rinviare le elezioni locali inizialmente calendarizzate per giugno, a causa della pandemia. Il 16 marzo il presidente Klaus Iohannis ha proclamato lo stato d’emergenza a causa dell’epidemia di Covid-19. La città di Suceava, nel nordest della Romania, è al momento sotto quarantena a causa dell’elevato numero di contagi da Covid-19 registrati. Roma, 7 apr.

Il Gruppo di coordinamento per le emergenze sanitarie di San Marino ha reso noto l’aggiornamento relativo alla situazione coronavirus. A oggi, secondo il bollettino, sono 205 i casi positivi (+2), di cui 44 ricoverati all’Ospedale di San Marino (14 in Rianimazione con sintomatologia severa, 7 femmine e 7 maschi e 30 nelle degenze di isolamento predisposte con sintomi moderati, 17 maschi e 13 femmine) e 161 in isolamento a domicilio (femmine 75, maschi 86). Aumentano anche i decessi, che salgono a quota 34 (+2), mentre i guariti arrivano a 40 e 98 sono le persone dimesse a domicilio per migliorate condizioni cliniche. Per quanto riguarda le quarantene domiciliari sui contatti stretti compresa la rete familiare, amicale e personale sanitario sono in tutto 388, di cui 353 laici, 28 sanitari e 7 membri delle forze dell’ordine, mentre le quarantene terminate arrivano a quota 883, per un totale di 1.271 quarantene attivate. “Il Gruppo per l’Emergenza Covid-19, anche a nome del Congresso di Stato – aggiunge il bollettino -, esprime vicinanza e vivo cordoglio ai familiari, ai parenti e agli amici dei due concittadini di 88 e 93 anni, venuti a mancare nella giornata di ieri”.