Coronavirus, il lock-down finisce e le Borse europee ripartono alla grande: volano i listini di tutto il mondo!

Le ottime notizie sul vaccino anti Coronavirus e le riaperture di molti Paesi trascinano verso l'alto le Borse europee

MeteoWeb

Chiusura con gli indici che volano al rialzo per le principali Borse europee. La migliore è stata Francoforte (+5,67%) a 11.058 punti, seguita da Parigi (+5,16%) a 4.498 punti, Madrid (+4,7%) a 6.779 punti e Londra (+4,29%) a 6.048 punti.

A favorire questo slancio positivo è innanzitutto la riapertura di molti paesi, e poi anche le notizie positive che arrivano dall’America: il vaccino per il nuovo Coronavirus è sempre più vicino. La società biotecnologica Moderna, infatti, ha annunciato che i primi test sull’uomo del suo vaccino anti Covid-19 hanno prodotto ottimi risultati. La società sta sviluppando un vaccino che utilizza l’Rna messaggero – ha, e ha dichiarato che tutti i 45 soggetti a cui è stato somministrato il vaccino hanno sviluppato anticorpi e 8 di loro ne hanno sviluppato abbastanza da neutralizzare il virus. E’ ovviamente solo la prima fase della sperimentazione sull’uomo, ma l’azienda spera di avviare la seconda fase in tempi brevi. Non solo: lo scorso weekend il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha sottolineato come “non ci siano limiti” a quello che la banca centrale americana può fare per sostenere la ripresa economica.

A Piazza Affari – come scrive il Sole 24 Ore – il FTSE MIB ha guadagnato il 3,26%, pur frenato dallo stacco del dividendo da parte di nove big, che ha un impatto sull’indice pari a -0,86 per cento. A Parigi il Cac40 ha chiuso in rialzo del 5,16%, a Francoforte il Dax30 del 5,67%, a Londra il Ftse100 del 4,3% e a Madrid l’Ibex35 del 4,7 per cento. A Milano la Consob manda segnali di normalizzazione: da domani, infatti, sospende il divieto temporaneo all’assunzione di nuove posizioni nette corte e incrementa le posizioni nette corte esistenti.

A livello europeo gli acquisti si sono concentrati sui titoli dell’auto: (+7,9% il sottoindice Stoxx), energia (+6,4%) e materie prime (+8,1%). Sul Ftse Mib milanese hanno svettato Fiat Chrysler Automobiles (+8,19%), Unipol (+8,63%) e Tenaris (+7,61%).

Il petrolio, intanto, è in netto calo: il Wti giugno, che scade domani, sale del 12,2% a 33,02 dollari al barile – scrive ancora il Sole 24 Ore -, mentre quello con scadenza luglio cresce del 10,7% a 32,7 dollari. Il Brent luglio sale dell’8,9% a 35,4 dollari al barile. Del recupero hanno beneficiato i titoli petroliferi a Piazza Affari: Eni +1,61%, rallentata dallo stacco cedola, Saipem +7,16% e Tenaris +7,61 per cento. Sul mercato valutario, euro/dollaro in rialzo a 1,0868 (1,0822 in avvio e 1,0816 venerdì sera), euro/yen a 116,71 (116,03 in avvio e 116,04 venerdì), dollaro/yen a 107,20 (da 107,37).