Maltempo a Milano, il forte temporale della notte ha scaricato 180mm di pioggia in città, “danni mai visti prima” [FOTO e DATI]

Maltempo a Milano, danni molto gravi dopo il furioso temporale della notte: in città sono caduti 180mm di pioggia

/
MeteoWeb

Il violento temporale che nella notte ha colpito Milano, ha scaricato quantitativi di pioggia eccezionali su tutto il capoluogo meneghino. I dati pluviometrici parziali giornalieri di oggi, Venerdì 15 Maggio 2020, sono impressionanti:

  • 151mm a Milano Boscoincittà
  • 128mm a Senago
  • 124mm a Milano San Siro
  • 115mm a Milano Cadorna
  • 102mm a Milano San Leonardo
  • 102mm a Ceriano Laghetto
  • 101mm a Corsico Parco Sud
  • 86mm a Milano Porta Genova
  • 78mm a Settimo Milanese
  • 69mm a Milano Arbe
  • 68mm a Cinisello Balsamo

A questi dati bisogna aggiungere circa 2040mm che erano caduti su tutto il territorio prima della mezzanotte: le fasi più intense del nubifragio sono state proprio a cavallo della mezzanotte e intorno alle 02:00 della notte. Non erano fenomeni inattesi: nelle previsioni meteo pubblicate ieri mattina su MeteoWeb annunciavamo proprio questi quantitativi pluviometrici nell’area metropolitana milanese.

Il temporale è stato accompagnato da un’intensa attività elettrica con forti raffiche di vento: 89km/h a Corsico Parco Sud, 64km/h a Milano Arbe, 63km/h a Milano San Siro. Il maltempo ha interessato gran parte della Lombardia, con picchi di 100mm di pioggia anche nel bergamasco e nel comasco, ma le criticità maggiori si sono riscontrate a Milano dov’è esondato anche il Seveso. In città molti alberi sono caduti sui fili del tram e sui binari: “non era mai successo“, raccontano alcuni abitanti della zona. Dalle prime ore di stamattina infatti addetti della protezione civile stanno tagliando rami e interi tronchi che interrompono il passaggio dei mezzi e persone nelle strade. Le acque del Seveso poi sono entrate nei pozzetti dell’A2A (l’azienda che gestisce la rete elettrica) facendo saltare la luce in intere vie e palazzi. I cittadini della zona nord di Milano segnalano poi decine di auto danneggiate per per l’acqua entrata nell’abitacolo. “Almeno dal 2014 il Seveso non esondava cosi‘”, racconta Stefano Indovino, consigliere di municipio della zona. In effetti – a quanto si apprende – la capienza dei canali che deviano le acque del torrente al confine della città è di 40-48 metri cubi per secondo; stanotte si sarebbero raggiunti i 95; mentre nella grande esondazione del 2014 si e’ arrivati a 130. La prima allerta arancione e’ stata lanciata ieri nel pomeriggio e già “si intuiva che sarebbe finita così“, dice il consigliere.I canali scolmatori hanno retto la prima ondata di pioggia, intorno all’1 di notte, ma non la seconda, arrivata intorno alle 2.30 e proseguita per almeno 2 ore. A quel punto i tombini sono letteralmente scoppiati e il fiume ha invaso le vie della città.

Oltre 200 gli interventi dei vigili del fuoco tra ieri sera e stamattina, mentre restano da evadere altre 100 chiamate riguardanti soprattutto le stazioni della metropolitana. In base a quanto appreso, al momento non ci sono stati soccorsi a persone e nessuna struttura sanitaria, neanche l’ospedale Niguarda, che si trova in zona, ha avuto danni. Rimane il problema viabilistico, soprattutto nei sottopassaggi. Allerta massima della protezione civile per il fiume Lambro, controllato speciale, per evitare che esondi allagando anche la zona di Lambrate. Piu’ tranquilla invece la situazione nella zona sud della citta’, tra Famagosta e Assago, dove i prosciugamenti attuati dai pompieri si sono rivelati piu’ efficaci.

La situazione nel quartiere Niguarda è ancora critica. Le strade tra largo Vulci e piazza Caserta sono piene di fango e con diversi rami caduti, con centinaia di famiglie ancora senza corrente. In largo Vulci è al lavoro un’idrovora che svuotando i tombini per permettere ai tecnici di Unareti, già sul posto, di ripristinare le centraline elettriche. In via Airolo un grande albero è crollato abbattendo la cancellata di uno stabile e danneggiando diverse automobili parcheggiate lungo la strada. Intorno alle 6 i vigili del fuoco sono intervenuti per tagliare la pianta, ma la zona è ancora transennata e chiusa anche ai pedoni. Come in altre parti della città, anche a Niguarda sono diverse le piante abbattute dalla violenza e dall’intensità della pioggia, così come sono molte le cantine, i garage e i negozi che hanno subito danni. Si sono salvati coloro i quali avevano montato in tempo le “paratie” e i sacchi di sabbia davanti a portoni e agli ingressi delle attività commerciali.

Milano, il temporale della notte dal cuore della città [VIDEO]

Milano, il temporale della notte in città: tempesta di fulmini e saette in diretta [VIDEO]

Maltempo a Milano, fulmini e saette tra i grattacieli della città [VIDEO]

Maltempo, tempesta di fulmini e saette a Milano [VIDEO]

Maltempo, la pioggia della notte a Milano [VIDEO]