Meteo Italia, sempre più caldo al Sud: oggi +35°C a Siracusa, la prossima settimana arriva l’inferno dei +40°C

Meteo Italia, oggi temperature estive al Sud Italia: nei prossimi giorni diventerà una routine per un mese di Maggio che rischia di diventare il più caldo della storia

MeteoWeb

Gran caldo oggi in tutt’Italia, e in modo particolare al Sud dove abbiamo avuto una vera e propria ondata di calore proveniente dalla vicina Tunisia. Ma in tutto il Paese il clima è stato decisamente mite, con valori di temperature massime elevate persino sulle Alpi o nelle zone interne dell’Appennino. Tra le principali località, da segnalare +27°C a Sondrio, +26°C a Foggia, +25°C a Roma, Bolzano, Aosta e Frosinone, +24°C a Napoli, Torino, Firenze, Pisa, Lucca, Cuneo, Lecce, Brindisi, Grosseto e Viterbo, +23°C a Milano, Perugia, Brescia, L’Aquila,Mantova,  Bari, Salerno e Matera.

Ma le temperature più elevate si sono registrate all’estremo Sud, in Sicilia con picchi di +35°C nel Sud/Est dell’isola, in Calabria e in Sardegna con valori tipicamente estivi:

  • Sicilia: +35°C a Siracusa, +34°C a Lentini, +33°C a Misilmeri, +32°C a Catania, Caltagirone, Castellammare di Stabia, Partinico e Francofonte, +31°C a Pedara e Aragona, +30°C a Trapani e Caltanissetta, +29°C a Sciacca, Modica, Gela, Comiso, Mazzarone, Nicolosi, Bronte e Riposto, +28°C a Palermo e Messina.
  • Calabria: +33°C ad Oppido Mamertina, +32°C a Platì, +31°C a Bisignano, Luzzi e Feroleto della Chiesa, +30°C a Cosenza, Rende e Torano Castello, +29°C a Soverato, Mileto, Rosarno, Borgia, Botricello e Cropalati, +28°C a Reggio Calabria, Tropea, San Sosti e Sant’Alessio in Aspromonte.
  • Sardegna: +32°C a Ballao, +31°C a Iglesias, Monteponi e Decimoputzu, +30°C a Barumini, Sinnai e Guspini, +29°C a Cagliari, Quartu Sant’Elena e Capoterra.

Intanto proprio in queste ore un’ondata di freddo sta colpendo l’Europa Centrale: le temperature massime sono rimaste ferme sotto i +7/+8°C in varie zone tra Polonia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria e Romania, e proprio da lì arriverà lo spiffero d’aria fredda che domani – Giovedì 7 Maggio – farà crollare le temperature al Centro/Sud Italia, soprattutto nelle Regioni Adriatiche:

Questa diminuzione termica sarà molto rapida e passeggera: durerà soltanto poche ore, ma già da Venerdì 8 Maggio le temperature torneranno ad aumentare per un weekend che si prospetta completamente soleggiato e molto mite in tutt’Italia. Le temperature aumenteranno di giorno in giorno, e già Domenica pomeriggio avremo nuovi picchi di oltre +30°C al Sud. Ma il giorno da cerchiare in rosso sul calendario è Lunedì 11 Maggio, quando un’altra ondata di calore colpirà le Regioni meridionali con temperature ben più elevate rispetto a quelle odierne: nella Sicilia sud/orientale avremo i primi +40°C della stagione, e anche in Calabria molte località supereranno i +35°C mentre al Nord si verificheranno fenomeni di maltempo estremo, in modo particolare al Nord/Ovest e nei settori alpini, con intensi temporali, tempeste di fulmini e forti grandinate.

Il caldo diventerà una costante della prossima settimana in tutto il Centro e soprattutto il Sud, con temperature che si stabilizzeranno oltre i +30°C nelle ore diurne in Calabria e Sicilia.

Ma nella giornata di Venerdì 15 Maggio avremo un’altra ondata di caldo ancor più intensa delle precedenti: stavolta i +40°C non saranno limitati alla Sicilia, ma verranno raggiunti anche in Sardegna mentre dal Lazio alla Calabria, tutto il Centro/Sud avrà picchi di +35°C e forse anche oltre.

Insomma, la prossima settimana arriverà un vero e proprio inferno di caldo africano, su una configurazione analoga a quella di oggi: una bassa pressione sulla Spagna e nell’Europa sud/occidentale, e un flusso molto caldo proveniente dal cuore del deserto del Sahara diretto proprio sull’Italia. Una grande anomalia che potrebbe stravolgere tutti i record caldi del mese di Maggio nel nostro Paese, e che non è mai stata così tanto benvenuta visto quanto potrà rivelarsi utile a limitare ulteriormente il contagio da Coronavirus che nelle zone calde di tutto il mondo non è mai stato particolarmente intenso.

Coronavirus: in Grecia, Malta, Cipro e al Sud Italia la diffusione più blanda d’Europa: fattore meteo-climatico determinante nell’andamento del contagio, il caldo è nemico del Covid-19