È morta Rosa: l’abbraccio con il marito era diventata una foto simbolo nell’emergenza coronavirus

È morta Rosa: la donna simbolo della lotta contro il coronavirus insieme al marito. La foto che ritrae il loro abbraccio è diventata ormai storia

È morta Rosa: la donna simbolo della lotta contro il coronavirus insieme al marito. La foto che ritrae il loro abbraccio è diventata ormai storia.

Giorgio Franzini e Rosa Manganati, 74 e 77 anni di Grontardo in provincia di Cremona, erano stati ricoverati ad aprile entrambi per coronavirus nell’Ospedale Maggiore di Cremona. Dopo mezzo secolo di matrimonio si erano però dovuti separare per due settimane, proprio a causa del Covid. Il primo ad essere ricoverato per polmonite è stato Giorgio che, dopo qualche giorno, aveva confessato al personale di sentire la mancanza della sua amata. Intanto anche Rosa era stata ricoverata. Lui nel reparto di Ginecologia del nosocomio, trasformato in reparto Covid, lei nel reparto di Chirurgia Multispecialistica.

Dopo qualche giorno la sorpresa, grazie alla complicità dell’infermiera coordinatrice del reparto di Ginecologia, Manuela Denti e alla caposala di Chirurgia, Carla Garello. Dopo quel giorno i due erano stati dimessi, e si erano finalmente ricongiunti definitivamente ritornando a casa, ma adesso la patologia oncologica di cui soffriva Rosa è peggiorata, e la donna non ce l’ha fatta.

Il personale dell’ospedale di Cremona si era molto affezionato alla coppia e, per rispetto del dolore della famiglia, non ha voluto rilasciare dichiarazioni. I funerali saranno celebrati venerdì 17 alle 10,30 nella chiesa parrocchiale di Vescovato, partendo dalla camera ardente che sarà allestita nell’Ospedale Maggiore di Cremona.