Coronavirus, 3.387 positivi in Veneto: “Il 50% di tamponi positivi rispetto a marzo”

"Stiamo entrando nella fase 4 che non prevede restrizioni se non quelle ospedaliere, non c'è entra niente con i colori del governo. Sono solo un ordine mentale che noi ci diamo"

MeteoWeb

I contagi Covid in 24 ore in Veneto sono 3.387 sulla base dell’ultimo bollettino regionale, per un dato complessivo di 72.092 infetti dall’inizio dell’epidemia. I casi attualmente positivi sono 43.937. Preoccupa anche il numero delle vittime, 27 in piu’ rispetto a ieri. Il totale dei morti (tra ospedali e case di riposo) sale a 2.543.

“Oggi troviamo metà dei tamponi positivi rispetto a quelli che avevamo a marzo”. Lo dice il Presidente del Veneto Luca Zaia. “Con mezzo piede – aggiunge – siamo nella fase 4″. Per il governatore “per metà novembre si potrebbero raggiungere i 250 ricoverati in terapia intensiva“.

“Stiamo entrando nella fase 4 che non prevede restrizioni se non quelle ospedaliere, non c’è entra niente con i colori del governo. Sono solo un ordine mentale che noi ci diamo. Non è assolutamente collegata con il tema delle zone del governo. La situazione è pesante per la mancanza di personale. Qualcuno si mette a fare polemichette. Non è che ci siamo dimenticati di assumerli, non ce ne sono. Per questo motivo dobbiamo colonizzare sempre più i reparti ordinari. Dico ai cittadini di chiamare il medico di base e di evitare il pronto soccorso”, ha sottolineato Zaia. “A noi servono anestesisti e pneumologici. La sanità privata per noi è una delle colonne portanti. Non abbiamo mai aumentato la quota, ma tanto per dire ci ha dato due Covid center”, ha aggiunto.