SARS-CoV-2, al via oggi la missione dell’Oms in Cina: “nessun rappresentate dell’Italia, è vergognoso”

Nessun rappresentate italiano per la missione dell'Oms in Cina sulle origini del coronavirus: la furia dell'ex ministro della salute Francesco Storace

MeteoWeb

Inizia oggi la missione dell’Oms in Cina per fare luce sull’origine del virus di SARS-CoV-2. Dieci scienziati di 10 paesi sono partiti per la Cina per approfondire le origini del coronavirus, ma non c’è nessun rappresentante italiano: “Oggi inizia la missione dell’Oms in Cina. Ci sono 10 scienziati di 10 paesi, compreso il Vietnam con le sue 50 vittime e non c’è un rappresentante del nostro Paese che ha contato 80mila morti. Questo è vergognoso”, ha dichiarato Francesco Storace, ex senatore ed ex ministro della Salute all’Adnkronos. “Il ministero da me interpellato per tre giorni consecutivi non ha fatto sapere nulla, quali domande la delegazione Oms porrà ai cinesi. E’ possibile che l’Italia, visto il numero enorme di vittime, non abbia voluto concordare gli obiettivi e le modalità della missione? Invece ci viene detto che dobbiamo stare dentro casa, metterci la mascherina, come diceva Alberto Sordi ‘potemo sta’ un po’ incazzati o no?’“, ha concluso il vicedirettore del “Tempo”.