Congo, eruzione del vulcano Nyiragongo: terremoti e crepe nel terreno vicino Goma, sale a 32 il bilancio delle vittime

Vulcano Nyiragongo: in Congo "sono 32 le persone morte in incidenti legati all'eruzione, di cui sette uccise dalla lava e cinque asfissiate dai gas"

Potenti terremoti legati all’attività del vulcano Nyiragongo sono stati avvertiti oggi nella città di Goma, nella Repubblica Democratica del Congo, mentre il bilancio delle vittime dell’eruzione dello scorso 22 maggio è salito a 32 e si teme che siano migliaia le persone rimaste senza tetto.
Sono 32 le persone morte in incidenti legati all’eruzione, di cui sette uccise dalla lava e cinque asfissiate dai gas“, ha riferito l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Unhcr.
Tre giorni dopo che il vulcano più attivo dell’Africa si è risvegliato, emettendo un fiume di lava che ha raggiunto la periferia della città, le hanno continuato a interessare la regione ogni 10-15 minuti. Crepe larghe diversi cm sono apparse nel terreno e sulle strade in diverse aree.
Goma, città di un milione e mezzo di abitanti sulle rive del Lago Kivu, si trova a soli 12 km dal Monte Nyiragongo: sabato scorso migliaia di residenti sono fuggiti in preda al panico, molti dei quali nel vicino Ruanda.