Dai tragici incidenti alla missione impeccabile: il volo Virgin Galactic entra nella storia, ma sarà Jeff Bezos a raggiungere “davvero” lo Spazio [FOTO e VIDEO]

Ieri il miliardario Richard Branson e altri 5 compagni di equipaggio hanno raggiunto brevemente lo Spazio con il primo volo con equipaggio di Virgin Galactic

  • Credit: Virgin Galactic
    Credit: Virgin Galactic
  • Credit: Virgin Galactic
    Credit: Virgin Galactic
  • Credit: Virgin Galactic
    Credit: Virgin Galactic
  • Credit: Virgin Galactic
    Credit: Virgin Galactic
  • Credit: Virgin Galactic
    Credit: Virgin Galactic
  • Credit: Virgin Galactic
    Credit: Virgin Galactic
/
MeteoWeb

L’11 luglio verrà ricordata per sempre come una data storica: il miliardario Richard Branson e altri cinque compagni di equipaggio hanno raggiunto brevemente lo Spazio con il primo volo spaziale con equipaggio completo del velivolo SpaceShipTwo di Virgin Galactic.

Alle 08:40 ora locale (16:40 ora italiana), l’equipaggio della missione di volo di prova Unity 22 di Virgin Galactic è partito dalla struttura Spaceport America della compagnia in New Mexico e ha volato fino al confine dello Spazio, dove i 4 passeggeri e i 2 piloti hanno sperimentato circa 4 minuti di assenza di gravità.

È stata “l’esperienza di una vita“, ha detto Branson durante una trasmissione in diretta del volo. Branson, designato “Astronaut 001” per la missione Unity 22, ha fondato il gruppo di società Virgin che include Virgin Galactic.
Il veicolo SpaceShipTwo, chiamato VSS Unity, ha effettuato con successo un volo di prova suborbitale con equipaggio a 282.000 piedi (86 km) sopra la superficie terrestre prima di tornare a Spaceport America per un atterraggio regolare sulla pista.

Un volo impeccabile

Questo volo di prova è stato il 4° volo spaziale con equipaggio della compagnia, ma il primo a trasportare un equipaggio completo di 2 piloti e 4 specialisti di missione. Oltre a Branson, l’equipaggio che ha volato ieri comprendeva Beth Moses, il capo istruttore di astronauti di Virgin Galactic; Colin Bennet, l’ingegnere capo delle operazioni presso l’azienda; e Sirisha Bandla, vicepresidente degli affari governativi e delle operazioni di ricerca di Virgin Galactic. A completare la squadra, i piloti Dave Mackay e Mike Masucci.

virgin galactic
Credit: Virgin Galactic

La missione Unity 22 è decollata da Spaceport America con l’aereo spaziale VSS Unity, è salito a un’altitudine di 50mila piedi (15mila metri) con l’aiuto della sua “nave madre” VMS Eve, un aereo da trasporto WhiteKnightTwo. Dopo aver raggiunto questa altitudine, VMS Eve ha rilasciato l’aereo spaziale, che da lì  ha raggiunto un’altezza di 86 km sopra la superficie terrestre prima di tornare sulla Terra e atterrare non troppo lontano dall’area di decollo a Spaceport America.

Virgin Galactic ha invitato una folla di ospiti al lancio, compresi i clienti con prenotazioni per voli futuri (il prezzo del “biglietto” si aggira sui 250mila dollari). Un amico di Branson, il CEO e fondatore di SpaceX Elon Musk, era tra il pubblico e ha augurato ogni bene al suo collega miliardario. Il cantante Khalid ha debuttato con il suo nuovo singolo “New Normal” dopo l’atterraggio (Branson e il suo equipaggio hanno avuto modo di ascoltarlo durante il loro ritorno sulla Terra), e il comico Stephen Colbert del The Late Show ha commentato il webcast in diretta.

Branson ha persino annunciato una nuova partnership tra Virgin Galactic e Omaze per mettere in palio due biglietti gratuiti per lo Spazio.

Siamo stati tutti nello Spazio!” ha esultato Branson durante una conferenza stampa post-volo. “E’ così emozionante quando il sogno di una vita diventa realtà.”

Una prima occhiata a VSS Unity suggerisce un volo molto fluido, ha affermato Mike Moses, presidente delle missioni spaziali e della sicurezza di Virgin Galactic. L’unico problema riguardava video e audio confusi dall’interno della cabina passeggeri, un possibile problema di blocco dell’antenna, ha detto.

Tutto sembrava perfetto in tempo reale“, ha detto Moses, aggiungendo che un rapido giro del veicolo ha rivelato pochi difetti. “La nave sembra immacolata, nessun problema.”

C’è stato dibattito sul fatto che questo volo abbia raggiunto ufficialmente lo Spazio. L’altitudine raggiunta da VSS Unity è abbastanza alta da consentire all’equipaggio a bordo di guadagnarsi il titolo di astronauti secondo gli standard stabiliti dalle forze armate statunitensi, dalla Federal Aviation Administration (FAA) e dalla NASA, che hanno fissato il confine dello spazio a 50 miglia (80 km). Tuttavia, è al di sotto della linea di Kármán, un altro confine popolarmente riconosciuto dello Spazio esterno, che inizia a un’altitudine di 62 miglia (100 km).
Questa differenza è stata sottolineata dal concorrente di Virgin Galactic Blue Origin, che lancerà il suo volo suborbitale con equipaggio New Shepard con il suo fondatore, Jeff Bezos, il 20 luglio: questa missione supererà la linea di Kármán.

Per approfondire:

Dopo Branson è il turno di Bezos: il volo di New Shepard sarà molto diverso da quello di SpaceShipTwo di Virgin Galactic

Un passo più vicino ai lanci passeggeri

Con il volo di prova di Unity 22, Virgin Galactic ha voluto che l’equipaggio vivesse “l’esperienza dell’astronauta privato“, secondo una dichiarazione della compagnia. Il volo si è concentrato sugli “obiettivi della cabina e dell’esperienza del cliente“, che include la valutazione del comfort e di come si percepisce la cabina con un equipaggio completo, l’esperienza di essere senza peso e la visione della Terra dallo Spazio, dimostrando come l’equipaggio potrebbe condurre esperimenti di ricerca e appurare come l’addestramento dell’equipaggio a Spaceport America li ha preparati per la missione.

virgin galactic
Credit: Virgin Galactic

A seguito di questo lancio e atterraggio di successo, l’equipaggio ora ispezionerà i veicoli e inizierà un’ampia revisione dei dati. Questa analisi aiuterà a perfezionare il programma di volo della compagnia e le future missioni come questa.
Virgin Galactic mira a lanciare altri due voli di prova con equipaggio prima di iniziare il servizio commerciale completo nel 2022.

Per Virgin Galactic, il lancio di ieri è stato un traguardo importante. Branson ha fondato la società nel 2004 dopo che SpaceShipOne, un veicolo costruito dalla società Scaled Composites e finanziato dal defunto miliardario Paul Allen, ha vinto l’Ansari X Prize da 10 milioni di dollari per il volo spaziale commerciale riutilizzabile.

Branson ha utilizzato Scaled Composites per progettare SpaceShipTwo e il suo aereo di trasporto, ma la strada per i lanci degli astronauti è stata lenta e dolorosa.

Un incidente mortale a terra nel 2007 ha provocato la morte di tre dipendenti della Scaled Composites e nel 2014 la prima SpaceShipTwo di Virgin Galactic, la VSS Enterprise, si è spezzata durante un volo di prova a motore. Quel tragico incidente, attribuito a un errore del pilota, uccise un pilota e ne ferì gravemente un altro, portando Virgin Galactic a sviluppare nuovi sistemi di sicurezza per evitare che qualcosa del genere possa accadere di nuovo.

Con il volo di ieri , Virgin Galactic sembra essere pronta a raggiungere il suo obiettivo 2022 per il volo passeggeri.
Ho sognato questo momento da quando ero bambino, ma andare nello spazio è stato più magico di quanto avessi mai immaginato“, ha affermato Branson.