Covid, focolaio a Cervinara: quasi l’80 per cento della popolazione è vaccinata. Oggi il primo decesso

A Cervinara, in provincia di Avellino, il numero dei contagi sta aumentando a dismisura nonostante la maggior parte della popolazione sia vaccinata

MeteoWeb

Con i 15 positivi di oggi, Cervinara, in Campania, raggiunge quota 115 contagi. Una cifra preoccupante soprattutto alla luce del decesso di oggi. E’ la prima vittima della nuova ondata di contagi che si registrano da alcuni giorni a Cervinara. Un’anziana di 92 anni ricoverata è deceduta nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Moscati di Avellino dove era ricoverata dal 31 ottobre scorso. L’anziana è stata tra le prime a contrarre il virus in seguito a un focolaio scoppiato nel comune caudino dopo una festa per bambini.

C’è il timore fondato che il focolaio possa estendersi ad altri nuclei familiari. Sono più di 200 le persone in isolamento durante questa nuova ondata di Covid. Il sindaco, Caterina Lengua, ha prorogato le restrizioni per arginare i contagi. Vietati gli assembramenti negli spazi pubblici aperti, controlli intensificati, mercati sospesi e lezioni nelle scuole che proseguono a distanza. L’Asl di Avellino sta lavorando al tracciamento di tutti i contatti per circoscrivere il più possibile il focolaio.

“Stiamo registrando un aumento quotidiano del contagio, con numeri piuttosto significativi – dichiara il sindaco – ci sono altre 15 persone che hanno contratto il Covid però c’è da segnalare che questo numero secondo me è anche frutto di uno screening di massa che si sta facendo sul territorio, non solo da parte dell’Asl, ma anche di cittadini che si stanno recando spontaneamente nelle farmacie o in laboratori privati. Quindi, si sta da 10 giorni veramente facendo un’attività corposa di monitoraggio”.

Il sindaco Lengua ha posto l’attenzione sulla campagna vaccinale, precisando di essere in linea con gli altri comuni italiani: “Quello che ho rappresentato in sede di comitato per la sicurezza, al direttore Asl di Avellino – ha dichiarato – Cervinara ha una percentuale di vaccinati perfettamente in linea con quella regionale, stiamo parlando del 77- 78 per cento di popolazione vaccinabile che ha completato la seconda dose, e dell’85 per cento che ha fatto la prima dose. Delle 115 persone attualmente positive, al netto di 20 bambini/ ragazzi di età non vaccinabile e di una decina di persone che non hanno fatto la vaccinazione, tutto il resto sono persone che hanno completato il cinclo di vaccinazione con la seconda dose. Per di più – continua Lengua – ci sono alcune persone che avevano già contratto il Covid. C’è il caso di un ragazza che aveva completato il vaccino ad agosto, a ottobre ha contratto il virus, guarita ed ora di nuovo positiva. Per questo dico che Cervinara deve rappresentare un elemento di grande attenzione dal punto di vista sanitario e che conferma che il vaccino rappresenta sì uno scudo importante rispetto a conseguenze devastanti del virus, (difatti tutte le persone sono in buoni condizioni), ma non ci preserva dal virus totalmente”.