Green Pass e Super Green Pass: tutte le nuove regole. Cosa si può fare senza niente, col tampone e col vaccino

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole oltre la disinformazione. Cosa si può fare senza niente, col tampone e col vaccino

MeteoWeb

Il nuovo decreto che introduce il Super Green Pass ed estende l’utilizzo del Green Pass base, e l’obbligo vaccinale a ulteriori categorie, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è entrato in vigore in attesa del futuro passaggio in parlamento. In un clima di grande disinformazione, con clamorose bufale e fake news su molti media e sul web, cerchiamo di fare chiarezza sulle nuove regole che entreranno in vigore dal 6 dicembre (con l’eccezione del Friuli Venezia Giulia dove entreranno in vigore già dal 29 novembre in concomitanza con la zona gialla).

Cosa si può fare senza alcun tipo di Green Pass (né quello da tampone né il “Super” da vaccino o guarigione):

  • Uscire di casa per fare qualsiasi attività all’aperto
  • Recarsi in qualsiasi negozio
  • Recarsi nei centri commerciali
  • Recarsi presso barbieri, parrucchieri ed estetisti
  • Andare in chiesa o in qualsiasi altro luogo di culto
  • Accedere in ogni tipo di ufficio pubblico come banche, poste o uffici comunali
  • Recarsi presso studi tecnici come medici, commercialisti, avvocati e liberi professionisti
  • Accedere in bar, tavole calde, fast food, pub e qualsiasi locale della ristorazione consumando al bancone
  • Sedersi nei tavoli all’aperto, in gazebo e dehors, di qualsiasi ristorante, bar, pizzeria, trattoria e ogni tipo di locale della ristorazione
  • Praticare sport, anche di squadra e di contatto, come giocare a calcetto, a basket, padel, tennis, qualsiasi disciplina all’aperto

Cosa si può fare, in più, con il Green Pass base, cioè quello che si può ottenere anche con un tampone negativo e vale 48 ore se è tampone antigenico rapido e 72 ore se è tampone molecolare:

  • Recarsi sul posto di lavoro
  • Utilizzare i mezzi di trasporto (aerei, treni, navi) anche pubblico locale (bus, tram, metro, traghetti, aliscafi)
  • Andare in alberghi e strutture ricettive, usufruendo anche dei servizi di ristorazione al chiuso di questi alberghi da clienti (ad es. un turista che pernotta in un albergo, può andare al ristorante di quell’albergo anche se è al chiuso, con il solo tampone negativo e senza la vaccinazione)
  • Praticare sport al chiuso, in palestre o palazzetti
  • Utilizzare gli spogliatoi e le docce degli impianti sportivi
  • Fino al 6 dicembre e dopo il 15 Gennaio, in zona bianca, con il tampone negativo è possibile anche recarsi in stadi, musei, teatri, cinema, discoteche, fiere, spettacoli e grandi eventi

A cosa serve, allora, il Super Green Pass limitato a vaccinati e guariti?

  • Dal 6 dicembre al 15 gennaio esclusivamente per locali della ristorazione al chiuso,  stadi, musei, teatri, cinema, discoteche, fiere, spettacoli e grandi eventi in tutt’Italia
  • Prima del 6 dicembre e dopo del 15 gennaio sempre e solo per locali della ristorazione al chiuso, stadi, musei, teatri, cinema, discoteche, fiere, spettacoli e grandi eventi ma soltanto in Regioni che eventualmente si troveranno in zona gialla o zona arancione. Ad oggi, grazie al nuovo sistema che si basa esclusivamente sull’occupazione dei posti letto, l’unica Regione che lunedì 29 novembre entrerà in zona gialla è il Friuli Venezia Giulia anche se Valle d’Aosta e Alto Adige (provincia autonoma di Bolzano) rischiano di entrare in zona gialla proprio a partire dal 6 dicembre. Alla luce dell’introduzione del “Super Green Pass” per il periodo natalizio anche in zona bianca, dal 6 dicembre al 15 gennaio non ci sarà alcuna differenza di regole tra le zone bianche, gialle e arancioni.

L’ISS: “il 63% dei contagi, il 51% dei ricoveri e il 56% dei morti tra i vaccinati. Efficacia del vaccino crolla al 40% dopo 6 mesi”

Il Governo ha già previsto la quarta dose del vaccino nel 2022: la conferma ufficiale nel decreto del super Green Pass