Covid, il vaccino AstraZeneca potrebbe essere il motivo per cui la situazione nel Regno Unito è migliore rispetto al resto d’Europa: potrebbe dare un’immunità più duratura

Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca, ha affermato che la decisione della maggior parte dei Paesi europei di limitare la somministrazione del vaccino all'inizio dell'anno - e ritardare la somministrazione alle persone anziane - potrebbe essere alla base della differenza tra il Regno Unito e altri Paesi europei in questa nuova ondata di ricoveri

MeteoWeb

L’Europa sta vivendo un’altra ondata di contagi e ricoveri legati al Covid che non si vede oltre la Manica in termini di ricoveri, nonostante il Regno Unito abbia numeri di casi simili. Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca, ha affermato a fine novembre che la decisione della maggior parte delle principali nazioni dell’UE di limitare la somministrazione del vaccino AstraZeneca all’inizio dell’anno – e ritardare la somministrazione alle persone anziane – potrebbe essere alla base della differenza tra il Regno Unito e altri Paesi europei.

Pascal Soriot ha dichiarato al programma Today di BBC Radio 4 che le differenze nell’immunità delle cellule T tra i vaccini potrebbero significare che coloro che hanno ricevuto il vaccino Oxford/AstraZeneca hanno una protezione immunitaria più duratura contro il virus. Le cellule T sono una classe di cellule immunitarie che istruiscono le cellule B che producono anticorpi sulla natura della minaccia virale e uccidono direttamente le cellule infette.

Soriot ha detto: “è davvero interessante quando si guarda al Regno Unito. C’è stato un grande picco di infezioni ma non così tanti ricoveri rispetto all’Europa. Nel Regno Unito, il vaccino Oxford/AstraZeneca è stato utilizzato per vaccinare le persone anziane, mentre in Europa la gente pensava inizialmente che il vaccino non funzionasse nelle persone anziane. Non abbiamo visto molti ricoveri nel Regno Unito, sicuramente molte infezioni… ma ciò che importa è che sei gravemente malato o no, sei ricoverato o no. E non abbiamo visto così tanti di questi ricoveri nel Regno Unito. La risposta anticorpale è ciò che guida la reazione immediata o la difesa del corpo quando sei attaccato dal virus, e la risposta delle cellule T impiega un po’ più di tempo per arrivare, ma in realtà è più duratura: dura più a lungo e il corpo la ricorda più a lungo. Quello che sto dicendo è che le cellule T sono importanti e in particolare riguardo la durata della risposta, specialmente nelle persone anziane, e questo vaccino ha dimostrato di stimolare le cellule T in misura maggiore nelle persone anziane. Non ci sono prove di nulla… non lo sappiamo. Ma abbiamo bisogno di più dati per analizzare questo e ottenere la risposta”.

La Germania è stato il primo Paese europeo a raccomandare di non somministrare il vaccino AstraZeneca alle persone di età superiore ai 65 anni alla fine di gennaio, citando la mancanza di dati sull’efficacia del vaccino in questa fascia di età. Altri Paesi europei hanno rapidamente seguito raccomandazioni simili, tra cui Italia, Francia, Polonia e Svezia, sebbene molti in seguito abbiano invertito questa guida dopo la pubblicazione di ulteriori dati sull’efficacia. Alcuni alla fine hanno deciso che il vaccino debba essere usato solo nei gruppi di età più avanzata, dopo che l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha segnalato un possibile legame tra il vaccino e casi molto rari di coaguli di sangue. Probabilmente a causa di questi messaggi contrastanti, molti europei erano inizialmente riluttanti a ricevere il vaccino anglo-svedese.

Ci sono ragioni teoriche per cui il vaccino AstraZeneca potrebbe innescare risposte immunitarie leggermente diverse rispetto a un vaccino a mRNA, come il vaccino Pfizer. Entrambi forniscono alle cellule le istruzioni genetiche per produrre la proteina spike del SARS-CoV-2, ma il vaccino AstraZeneca lo fa con l’aiuto di un virus modificato, a cui potrebbe rispondere anche il sistema immunitario. Studi hanno dimostrato che il vaccino AstraZeneca, che utilizza una tecnologia vaccinale più tradizionale, produce una maggiore risposta dei linfociti T nelle persone anziane rispetto ai nuovi vaccini a mRNA prodotti da Pfizer e Moderna, che sono stati preferiti in Europa e negli Stati Uniti. Si pensa che le cellule T forniscano una protezione più duratura rispetto agli anticorpi, che forniscono una maggiore spinta iniziale di protezione, ma vedono anche la difesa svanire più velocemente nel tempo. I vaccini a mRNA sono migliori nello stimolare gli anticorpi.

Mettere a confronto la situazione dei vari Paesi, tuttavia, è difficile e alcuni esperti hanno reagito con scetticismo alle parole di Soriot. La comprensione delle differenze tra i tassi di infezione e di ospedalizzazione tra i Paesi è ulteriormente complicata da fattori come quando sono state revocate le restrizioni e in quale misura, la variabilità nel tempo tra la prima e la seconda dose, l’età della popolazione e la prevalenza di altre malattie, e la comparsa di nuove varianti, soprattutto se compaiono molto tempo dopo che le persone sono state vaccinate.