Covid: aumento di eventi cardiovascolari tra i giovani in Israele, “legame con 1ª e 2ª dose di vaccino”

Covid: un nuovo studio ha indagato sull'associazione con i casi di arresto cardiaco e sindrome coronarica acuta

MeteoWeb

Condizioni avverse cardiovascolari sono causate da infezioni da Coronavirus (COVID-19) e segnalate come effetti collaterali dei vaccini COVID-19. L’arricchimento degli attuali sistemi di sorveglianza della sicurezza dei vaccini con ulteriori fonti di dati può migliorare la comprensione della sicurezza dei vaccini COVID-19.

Utilizzando un set di dati degli Israel National Emergency Medical Services (EMS) dal 2019 al 2021, un nuovo studio (“Increased emergency cardiovascular events among under-40 population in Israel during vaccine rollout and third COVID-19 wave“) ha indagato sull’associazione tra i casi di arresto cardiaco e sindrome coronarica acuta che l’EMS ha registrato nella popolazione di 16-39 anni, e sui potenziali fattori, compresi i tassi di infezione e vaccinazione per COVID-19.

Dalla ricerca, pubblicata su Nature, è emerso che nel periodo gennaio-maggio 2021 è stato rilevato un aumento di oltre il 25% in entrambi i tipi di richiesta di soccorso, rispetto agli anni 2019-2020. “Utilizzando modelli di regressione binomiale negativa, i conteggi settimanali delle chiamate di emergenza sono risultati significativamente associati ai tassi di 1ª e 2ª dose di vaccino somministrata a questa fascia di età, ma non ai tassi di infezione da COVID-19,” si spiega nello studio.

Pur non stabilendo relazioni causali, i risultati sollevano preoccupazioni per quanto riguarda gli effetti collaterali cardiovascolari gravi non rilevati indotti dal vaccino e sottolineano la relazione causale già stabilita tra vaccini e miocardite, una causa frequente di arresto cardiaco inaspettato nei giovani,” hanno spiegato gli autori dello studio. “La sorveglianza dei potenziali effetti collaterali del vaccino e degli esiti di COVID-19 dovrebbe incorporare l’EMS e altri dati sanitari per identificare le tendenze (ad esempio, aumento delle chiamate EMS) e indagare prontamente le potenziali cause sottostanti“.